lunedì , 26 Ottobre 2020

Astronomia e Spazio

Il meteorite di Chelyabinsk fu la collisione di due asteroidi

L’asteroide che esplose su Chelyabinsk, in Russia, nel febbraio del 2013 subì una intensa collisione con un altro asteroide prima di colpire la Terra. A rivelarlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, condotto da Shin Ozawa in collaborazione con colleghi giapponesi e russi che riportano l’analisi mineralogica del meteorite di Chelyabinsk, l’unico frammento disponibile generato dall’esplosione. Il ricercatore …

Leggi altro »

Il razzo russo Proton-M abbattuto da un Ufo [Video]

L’agenzia  spaziale Roscosmos ha dichiarato che sta studiando la causa del fallimento del lancio del razzo Proton-M che si è totalmente disintegrato a 160 km sopra la terra. L’incidente è stato probabilmente provocato dalla rottura del motore del terzo stadio del razzo che si è verificata ad un’altitudine di 161 chilometri a causa della deviazione di ” Proton -M ” dalla sua …

Leggi altro »

Pietre in movimento su Marte?

Una sequenza di cinque immagini inviate a Terra dalla sonda robotica Spirit, scattate in un periodo approssimativo di sette giorni, mostrano quella che ha tutta l’area di essere una forma di vita in movimento sul Pianeta Rosso. Due delle immagini mostrano un oggetto apparire tra un gruppo di rocce specifico, mentre nelle altre tre non compare nient’altro che le rocce. …

Leggi altro »

Asteroide passerà a poca distanza dalla Terra nel mese di giugno

L’8 giugno un’asteroide di dimensioni molto grandi transiterà in prossimità del pianeta Terra. Si potrà vedere con un telescopio per diversi giorni, mentre il picco di massimo avvicinamento è previsto per l’8 giugno esattamente alle ore 06:26 UTC (le 08:26 italiane). Il gigantesco asteroide è stato osservato per la prima volta il 24 aprile 2014 dal laboratorio Propulsion dell’Istituto di …

Leggi altro »

HD 162826 scoperto il fratello del Sole

Si chiama HD 162826 e secondo gli scienziati dell’Università del Texas, attraverso lo studio condotto dall’astronomo Ivan Ramirez, si tratta del fratello disperso del Sole, formatosi dalla stessa nube di gas. Si trova ad oltre 110 anni luce di distanza dalla costellazione di Ercole e potrebbe ospitare nel suo sistema pianeti con vita aliena. Una scoperta incredibile che apre a nuovi …

Leggi altro »

La Nasa lancia l’allarme rosso: stelle in fuga verso la nostra galassia

L’hanno chiamato HVGC-1 il pericoloso ammasso di stelle che sta viaggiando pericolosamente in direzione via Lattea, dopo aver preso la fuga dalla loro galassia, la M87. L’ammasso globulare avrebbe, secondo gli scienziati, guadagnato velocità in seguito a un’interazione con la coppia di buchi neri ubicata al centro della galassia gigante e, alla velocità di 2 milioni di chilometri all’ora, ha …

Leggi altro »

Cerchio di fuoco in cielo per l’arrivo dell’eclissi anulare

A poco meno di due settimane dall’eclissi totale di Luna osservata sul continente americano, un’eclissi anulare di Sole interesserà l’Antartide e l’Oceania occidentale. Il nostro satellite naturale, il giorno 29, si interporrà tra il Sole e la Terra, oscurando soltanto la parte centrale della nostra stella e lasciandone scoperti i bordi. La fase di anularità sarà osservabile soltanto da aree …

Leggi altro »

Scoperto Kepler-186f il pianeta abitabile “gemello” della Terra

La NASA ha annunciato oggi la scoperta di un pianeta abitabile in orbita attorno a una stella nana a una distanza che potrebbe consentire la presenza di acqua liquida in superficie. Il nuovo corpo celeste, chiamato Kepler-186f, fa parte di un sistema di cinque pianeti in orbita attorno alla stella Kepler-186, più fredda e circa la metà per dimensioni e …

Leggi altro »

La sonda Cassini documenta la probabile formazione di una nuova luna intorno a Saturno

La sonda Cassini della NASA ha documentato la formazione di un piccolo oggetto ghiacciato dentro il sistema di anelli di Saturno. Informalmente chiamato “Peggy“, l’oggetto potrebbe rappresentare un nuovo satellite naturale del pianeta. “Non abbiamo mai visto nulla di simile prima”, ha dichiarato Carl Murray della Queen Mary University di Londra e autore principale del rapporto. Le immagini scattate con …

Leggi altro »