lunedì , 27 Settembre 2021

Mistero dei due asteroidi rossi attualmente situati tra Marte e Giove

Gli scienziati del JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency), hanno segnalato l’avvistamento di due rocce spaziali attualmente nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove. I due oggetti astrali, denominati 203 Pompeja e 269 Justitia, potrebbe dare qualche notizia in più riguardo la conoscenza dell’universo durante “caos primigenio”. Infatti, è bene ricordare, che anche se ci troviamo in un “periodo” di calma astrale, 4 miliardi di anni fa regnava il caos intorno al nostro pianeta grazie alle orbite dei pianeti come Giove o Saturno ancora non bene definite e che si sarebbero spostate.

Ogni giorno vengono scoperti e monitorati molti nuovi corpi celesti, ma la notizia della scoperta di 203 Pompeja e 269 Justitia ha inquietato gli  scienziati a causa del loro “insolito” colore rosso. Gli oggetti all’interno del sistema solare, solitamente, riflettono più luce blu in quanto privi di materiale organico, mentre gli oggetti nel sistema solare esterno tendono più al rosso perché hanno molti elementi organici, forse gli elementi che hanno costituito le base della vita sulla Terra.

Per avere queste sostanze organiche, è necessario inizialmente avere molto ghiaccio in superficie“, ha affermato Michaël Marsset del MIT, coautore dello studio. “Quindi devono essersi formati in un ambiente molto freddo. L’irradiazione solare del ghiaccio crea quelle sostanze organiche complesse“.

Queste due rocce, sono più rosse di qualsiasi altra cosa mai vista nella fascia degli asteroidi. Mentre sono stati trovati indizi provvisori di altri asteroidi rossi, questi due sembrano essere speciali. La scoperta, se confermata, offrirebbe una prova riguardo la migrazione planetaria nel primo sistema solare, in particolare a sostegno dell’idea denominata Modello di Nizza, che vede Saturno, Urano e Nettuno mouversi verso l’esterno del sistema solare e Giove leggermente verso l’interno, nell’arco di “poche” centinaia di milioni di anni. Questo movimento avrebbe agitato gli asteroidi carichi di sostanze organiche inviandoli intorno al sistema solare.

È una scoperta entusiasmante con implicazioni per le origini della vita“, ha detto il dott. James Öberg. La maggior parte di questi oggetti rimasti al giorno d’oggi sono conosciuti come oggetti transnettuniani e orbitano nella fascia di Kuiper oltre Nettuno. Molti sono di colore rosso, come Arrokoth, la roccia di cui la missione New Horizons della NASA ha ottenuto un primo piano nel 2019. 203 Pompeja e 269 Justitia sembrano simili a quella roccia.

Da un po’ di tempo si parla di una frazione di asteroidi provenienti dalla fascia di Kuiper“, ha affermato Josh Emery, uno scienziato planetario della Northern Arizona University che non è stato coinvolto nella ricerca. Altri esperti pensano che gli oggetti dovrebbero diventare meno rossi quando si avvicinano al Sole. Anche gli asteroidi catturati nell’orbita di Giove, ritenuti forse oggetti transnettuniani, non sono così rossi. “Sembra essere incoerente con i nostri modelli“, ha affermato il dott. Harold F. Levison, il capo della missione Lucy della NASA.

fonte