ItalianEnglishSpanishFrenchGermanRomanianArabicChinese (Simplified)Filipino
GreekIndonesianJapanesePolishPortugueseRussianSwedishThaiHebrew

Category: Eventi Catastrofici

Asteroide gigantesco minaccia la Terra

Asteroide gigantesco minaccia la TerraLo scienziato russo Vladimir Lipunov dell’osservatorio MASTER-II di Kislovodsk ha dichiarato che un grande asteroide delle dimensioni di una montagna, chiamato 2014 UR116, minaccia il nostro pianeta in quanto si tratta di un’asteroide che ogni tre anni passa vicino alla Terra stringendo sempre di più la sua orbita.

Un’eventuale collisione con il nostro pianeta genererebbe un’esplosione mille volte più potente di quella che nel febbraio del 2013 squarciò il cielo di Chelyabinsk.

Per i prossimi sei anni, comunque, i passaggi sono al sicuro secondo l’Institute of Applied Astronomy, con il passaggio più ravvicinato posto a 4,5 milioni di chilometri dalla Terra. Continua a leggere…

Il 10 Novembre una catastrofe colpirà la Terra

Il 10 Novembre una catastrofe colpira la TerraTra pochi giorni un evento apocalittico potrebbe cambiare la vita di tutti, è la notizia che arriva dagli Stati Uniti e che riguarda un’imminente catastrofe che colpirà il nostro Pianeta.

Non ci sono notizie precise, non si parla di alluvioni, terremoti o vulcani, si segnala solo una data e tra l’altro imminente, quella del 10 Novembre.

Ovviamente si tratta di una notizia priva di fondamento e non confermata da alcun ente scientifico come la NASA.

Ma c’è comunque chi è pronto a credere che un qualche evento straordinario e devastante, come un terremoto o uno tsunami, o un impatto con un meteorite, porterà danni gravissimi e distruzione in parte del pianeta Terra. Continua a leggere…

Scoperto asteroide potenzialmente pericoloso per la Terra

Scoperto asteroide potenzialmente pericoloso per la TerraGrazie alla rete di telescopi “Master” , attiva dal 2010 e creata da esperti russi, alcuni astronomi hanno scoperto un nuovo asteroide potenzialmente pericoloso per il nostro Pianeta.

La rete russa di telescopi automatizzati è costituita da piccoli telescopi robotici doppi con diametro di circa 40 centimetri con ampio campo visivo, inoltre sono dotati di dispositivi di guida ultra veloci e forniscono un monitoraggio pressoché continuo dello spazio.

L’asteroide ha un diametro di 370 metri ed è stato denominato “2014 UR116″ e in caso di collisione con la Terra può emanare un’energia esplosiva fino a 1000 volte più potente dell’esplosione del meteorite di Chelyabinsk. Continua a leggere…

La Terra al buio per tre giorni

La Terra al buio per tre giorniDa qualche giorno gira su internet una notizia che sostiene che l’intero pianeta terra si troverà al buio per tre giorni: 21, 22 e 23 dicembre 2014.

Sarebbe stato proprio Charles Bolden direttore della NASA a lanciare l’allarme con un messaggio alla popolazione mondiale dove dice di  mantenere la calma e fare scorta di viveri, acqua, candele, fiammiferi e fornelli a gas.

Avrebbe precisato inoltre che il disagio riguarderà ovviamente anche la maggior parte delle infrastrutture e le telecomunicazioni, ma durerà solo tre giorni e poi la situazione tornerà progressivamente alla normalità.

L’evento, presumibilmente, sarebbe legato ad una tempesta solare che potrebbe generare polveri e detriti, proiettandoli nello spazio, una quantità tale che il 90 per cento della luce del Sole rimarrebbe bloccata fuori dall’atmosfera. Continua a leggere…

Nel 2036 alto rischio di collisione con Apophis

Nel 2036 alto rischio di collisione con ApophisVentidue anni, per la fine del mondo! Quella vera, quella che toglie il sonno agli scienziati della NASA, quella che non hanno previsto i Maya, e che anche i Russi, da qualche giorno, ritengono probabile.

Il 13 aprile 2036, la domenica di Pasqua, alle 22:45 un asteroide di 320 metri di diametro e di 200 miliardi di tonnellate di peso si potrebbe abbattere sulla Terra. Si chiama Apophis (meglio conosciuto come 99.942) ed è una vecchia conoscenza di studiosi e astronomi di mezzo mondo.

Sono anni che lo tengono sotto controllo, che tentano di calcolare con precisione le probabilità di impatto sulla Terra e che cercano di capire i pericoli reali di una minaccia del genere. E proprio in questi giorni, a sorpresa, è arrivato l’annuncio: il rischio che l’asteroide possa schiantarsi sul nostro pianeta è più che reale. Continua a leggere…

Secondo Pat Robertson un asteroide colpirà la Terra

Secondo Pat Robertson un asteroide colpirà la TerraLa prossima settimana un asteroide potrebbe colpire la Terra“. Lo rivela Pat Robertson, 84enne conduttore di una trasmissione televisiva americana sul canale ABC.

Già in un suo precedente libro “The End of th Day”, Robertson aveva parlato di un’imminente impatto che avrebbe distrutto il nostro Pianeta.

In questi giorni ha ribadito il concetto, creando paura nei confronti del pubblico più suscettibile. “State pronti”, ha intimato il conduttore durante “The 700 club”, “potrebbe accadere la prossima settimana, o a mille anni da oggi, ma comunque dobbiamo essere pronti al momento in cui il Signore ci dirà che è il momento di tornare a casa“.

Secondo il popolare televangelista americano sarà un asteroide a distruggere la Terra, ad oscurare il cielo, a terrorizzare tutti i popoli di tutte le nazioni. Continua a leggere…

Ufo in Messico durante il terremoto 7.5 [Video]

Ufo in Messico durante il terremoto 7.5 [Video]Due avvistamenti di oggetti non identificati prima e durante il terremoto avvenuto in messico lo scorso 18 aprile 2014.

Il primo spettacolare video mostra un oggetto non identificato di forma discoidale sorvolare indisturbato Città del Messico. L’ufo dopo qualche secondo sembra voltarsi verso le persone che effettuano la ripresa.

Il secondo video, invece, mostra in diretta il passaggio di un oggetto volante non identificato di forma molto simile a quella del primo video, negli stessi istanti nei quali viene avvertita la scossa di terremoto di magnitudo 7.5, che ha avuto il suo epicentro a poca distanza dalla nota meta turistica di Acapulco.

Il video, ripreso da un cittadino, mostra l’Ufo comparire e scomparire alla velocità della luce nei cieli del Messico. Continua a leggere…

Sismologo: presto un terremoto distruttivo sull’Italia

Sismologo: presto un terremoto distruttivo sull'ItaliaL’Italia è sotto la minaccia di un terremoto che potrebbe essere distruttivo! È questo l’allarme lanciato da Marco Mucciarelli, laureato in Fisica e professore universitario di Sismologia Applicata presso la Scuola di Ingegneria dell’Università della Basilicata. Mucciarelli è anche il direttore del Centro Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale.

Nel suo blog ha sottolineato la veridicità di quanto dichiarato dal Capo Dipartimento della Protezione Civile che ha riconosciuto di aspettare un imminente terremoto che interesserebbe lo stivale. L’analisi parte con una semplice conta delle scosse definite catastrofiche, cioè con una magnitudo superiore ai 6.3 gradi. Continua a leggere…

Vesuvio, una superbomba ad orologeria

Vesuvio, una superbomba ad orologeriaA rischio quasi due milioni di persone, perché lo Stato italiano non informa la popolazione? Sono stati registrati terremoti superficiali con ipocentro localizzato lungo il condotto, oltre che in emissioni fumaroliche lungo i fianchi del cono e del cratere. Stando a quanto dicono gli esperti, una più che probabile ripresa dell’attività eruttiva, implicherebbe quindi un rapido rilascio di tutta l’energia accumulata.

E’ considerato dagli esperti uno dei vulcani a maggior rischio del mondo e la sua storia ha insegnato che può produrre sia eruzioni effusive, sotto forma di effusione di colate laviche, nonché le ben più pericolose eruzioni esplosive. Nel frattempo, in attesa del peggio, la NATO ha evacuato alcuni suoi insediamenti nell’area. Continua a leggere…

L’esperimento che potrebbe distruggere il Mondo

L'esperimento che potrebbe distruggere il MondoDopo il Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, il Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC) del Brookhaven National Laboratory è il secondo acceleratore di particelle più grande al mondo. E’ questo lo strumento dove presto verrà realizzato un esperimento ambizioso che preoccupa scienziati e giuristi degli Stati Uniti: il rischio, infatti, è la distruzione della Terra.

Sebbene somigli alla trama di un “disaster movie” la vicenda che vede coinvolto il Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC) del Brookhaven National Laboratory supera ogni più fervida fantasia.

Scienziati ed esperti legali degli Stati Uniti hanno infatti sollevato preoccupazioni circa un ambizioso esperimento che prevede l’utilizzo del secondo più grande acceleratore di particelle mai creato dall’uomo. La posta in gioco è davvero alta, per non dire definitiva: la distruzione del pianeta Terra! Continua a leggere…