Qual è l’oggetto più lontano nel tempo e nello spazio?

È il lampo di raggi gamma GRB 090429B, che dista 13 miliardi e 140 milioni di anni luce da noi. Il nome GRB deriva dall’inglese Gamma-Ray Burst, e indica una stella enorme che alla fine della sua evoluzione esplode violentemente, emettendo in pochi attimi una quantità di radiazioni pari a quelle prodotte in cento anni da tutte le stelle della galassia. Il GRB 090429B è dunque un’esplosione cosmica avvenuta all’alba dell’universo, a soli 500 milioni di anni dal Big Bang: è stata osservata il 29 aprile 2009 dal satellite Swift della Nasa, e poi confermata da telescopi spaziali e basati a terra sulle Ande cilene e sul vulcano hawaiano Mauna Kea.

A datare con certezza l’esplosione è stato però il telescopio spaziale Hubble. Lo studio, cui ha partecipato il nostro Istituto nazionale di astrofisica, potrebbe svelare informazioni importanti sui processi di formazione delle prime stelle e galassie.