Home » Ufo e Alieni » Scoperto nuovo UFO grazie a Google Earth, è il turno di una base NASA

Scoperto nuovo UFO grazie a Google Earth, è il turno di una base NASA

Il software Google Earth permette di accedere alle immagini satellitari della Terra dalle quali è possibile apprezzare dall’alto ogni punto del pianeta. Fino a qualche anno fa qualcosa del genere era solo nelle mani dei militari ed era impensabile per un civile riuscire ad avere accesso, anche se non in tempo reale, ad ogni zona della Terra. I cacciatori di UFO si impegnano quotidianamente a ricercare strane strutture o scatti di oggetti volanti non identificati, e non mancano di certo le stranezze trovate proprio grazie al software di Google. L’ultima scoperta è stata fatta dall’utente youtube “Name Shame” che afferma di aver individuato un disco volante al et Propulsion Laboratory della NASA (JPL) situato a Los Angeles.

A che gioco sta giocando la NASA? Che cosa è l’oggetto che si vede? E’ un UFO o si tratta di qualcos’altro?” si chiede l’utente. Come sempre ci sono diversi pareri e opinioni a riguardo su questo argomento. E’ risaputo che i teorici della cospirazione credono che la NASA utilizzi la retro-ingegneria, ovvero studiare il funzionamento di velivoli alieni recuperati per cercare di riprodurne la tecnologia. Nigel Watson, autore del libro Ufo Investigations Manual crede proprio si tratti di un velivolo a forma di disco, ma non alieno: “Dubito si tratti di un disco volante recuperato di origine extraterrestre. Si tratta probabilmente di una struttura o un veicolo che ha la forma discoidale“, ha dichiarato. C’è inoltre da sottolineare il fatto che, se la NASA avesse davvero voluto nascondere un velivolo extraterrestre, non lo avrebbe certo lasciato all’aperto essendo a conoscenza dell’occhio vigile di Google.

Molti sono stati anche gli attacchi ricevuto dell’utente dagli scettici. In un commento è possibile leggere: “questi fanatici delle cose strane non hanno nient’altro da fare che passano ore incollati al computer. Esci, c’è un mondo là fuori”, cosa che dimostra quanto astio ci sia a volte nei confronti di chi azzarda ipotesi non convenzionali. E’ possibile osservare l’oggetto su Google Earth alle coordinate 34°12’20.08″N 118°10’16.01″W.

Fonte