Home » Astronomia e Spazio » Segnali alieni provenienti dallo spazio profondo?

Segnali alieni provenienti dallo spazio profondo?

Se gli alieni volessero entrare in contatto con noi, saremmo in grado di riconoscere e capire i messaggi o segnali che ci vengono inviati?

Secondo Edward Snowden in realtà, queste trasmissioni potrebbero già essere iniziate, solo che non abbiamo gli strumenti adatti per riuscire a rendercene conto. Gli astrofisici invece cercano di identificare segnali interessanti che potrebbero non essere di origine naturale. E’ accaduto già varie volte in passato: il caso più famoso è certamente stato quello del segnale Wow!, ma non è stato l’unico.

L’ultimo evento che ha fatto letteralmente saltare dalle poltrone i ricercatori, riguarda l’esplosione di energia ricevuta dalla costellazione Auriga, a circa 3 miliardi di anni luce di distanza dalla nostra Terra. Non si sa da dove provengano o da cosa siano state provocate queste esplosioni, ma molti ricercatori suggeriscono che potrebbe trattarsi di un’altra civiltà.

La scoperta è stata fatta grazie al radiotelescopio Green Bank nello West Virginia e al suo più famoso collega Arecibo di Puerto Rico. La ricerca è stata pubblicata sull’Astrophysical Journal. Il ricercatore Paul Scholz a capo della ricerca ha affermato: “Abbiamo individuato diverse esplosioni radiofoniche provenire da questa fonte, individuate dal telescopio di Arecibo e Green Bank. Inoltre erano state individuate altre esplosioni in precedenza provenienti sempre dalla stessa fonte“.

Per eventi simili in precedenza è stato chiesto il parere dagli esperti del SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) per riuscire a capire se potesse trattarsi di segnali provenienti da un qualche tipo di civiltà intelligente. Tuttavia data la ripetitività di segnali, i ricercatori non escludono che potrebbe trattarsi di una stella di neuroni. Si continua a sperare di entrare in contatto con una civiltà aliena, quasi come fosse un bisogno inconscio, il bisogno di sapere che non siamo soli nell’Universo e che prima o poi, incontreremo qualcun altro, magari molto simile a noi. Se una civiltà aliena esistesse e fosse magari bellicosa, in tal caso ci sarebbe poco da star tranquilli.

Fonte