Home » Ufo e Alieni » Ex agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieni

Ex agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieni

Ex agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieniLa storia che vi riportiamo oggi riguarda un ex agente di polizia, Alan Godfrey il quale afferma di essere stato più volte rapito dagli alieni.

Tutto iniziò il 28 novembre 1980 quando Alan, durante un servizio di pattuglia a Todmorden, osservò mentre si recava presso una fattoria locale dove, misteriosamente, erano scomparsi alcuni capi di bestiame, il passaggio a bassa quota di un enorme oggetto di origini non identificate.

L’agente si trovava in una zona periferica della città quando, a poche centinaia di metri di distanza, vide un oggetto stazionare dinanzi a lui, che inizialmente aveva scambiato per l’autobus locale, ma poi, avvicinandosi sempre più con l’auto di servizio si accorse di avere di fronte una grande massa luminescente, di forma ovale che ruotava a gran velocità su se stessa, tanto da far muovere i cespugli presenti sulla strada.

Ex agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieni

Egli raccontò di essere stato letteralmente “attraversato” dalla massa luminosa che poi, rapidamente, si era dileguata su in alto nel cielo.

Sceso dalla sua auto notò, sull’asfalto bagnato una traccia circolare asciutta dove precedentemente stazionava l’oggetto roteante, una volta tornato alla stazione di polizia notò che era in ritardo di almenoEx agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieni 15 minuti rispetto alla fine del turno.

Che cosa era accaduto in quel quarto d’ora mancante che lui stesso non ricordava?

Timoroso di essere ridicolizzato dai colleghi evitò, lì per lì, di riferire quanto era accaduto ma poche ore dopo, un camionista si recò alla polizia denunciando di aver visto, nei dintorni della stessa zona, un oggetto luminoso di colore blu-bianco brillante.

Alcune testimonianze raccolte successivamente dai colleghi del distretto confermarono l’evento, spingendo Godfrey a presentare un rapporto su quanto lui stesso aveva osservato quella notte: una massa brillante che aveva arrestato il motore dell’auto e si era direzionata verso di lui, accecandolo e rendendolo per alcuni istanti incosciente.

Anni dopo Godfrey, decise di sottoporsi ad una seduta di ipnosi regressiva che fece emergere ulteriori particolari: vivido fu infatti il ricordo di una strana stanza dove era presente un uomo barbuto di nome Yosef che lo interrogò telepaticamente, un cane nero, ed alcuni strani piccoli droidi.

Ex agente inglese afferma di essere stato rapito dagli alieniIl ricordo di questi dettagli emersi dalla sua ipnosi regressiva lo resero in qualche modo fragile tanto da indurlo a parlare anche con i suoi superiori, che lo hanno inviato nuovamente a visita per un’ulteriore valutazione della sua salute fisica e mentale, che, fortunatamente, è risultata del tutto normale.

Tuttavia, non riuscendo a liberarsi definitivamente dal ricordo che lo lega a quel bizzarro incontro ha scelto infine di dimettersi, dopo numerosi anni di onorato servizio.

Gli ufologi britannici che lo hanno recentemente intervistato, lo definiscono un uomo “piacevolmente onesto”, poiché, pur essendo convinto di aver vissuto quell’incredibile esperienza ha preferito farsi valutare per capire effettivamente se la storia venuta fuori con l’ipnosi, fosse un sogno, una fantasia oppure la cruda realtà.