mercoledì , 19 settembre 2018
Home » Cospirazioni e Complotti » Area 52: la nuova Area 51!

Area 52: la nuova Area 51!

Area 52: la nuova Area 51!L’Area 52 è un’istallazione statunitense top secret che si trova nel deserto dello Utah, dove si troverebbe tutta la tecnologia aliena che si trovava in precedenza nella famigerata Area 51.

E’ una delle aree militari con il livello di segretezza più alto degli Stati Uniti d’America e viene chiamata “Dugway Proving Ground“.

Bill Birnes, editore di “UFO Magazine”, ha dichiarato: “Da quando si è saputo dell’esistenza di Area 51, nel 1985, la base del Nevada, la maggior parte delle ricerche e delle tecnologie sono state trasferite di nascosto a Dugway. Qui molte persone continua a vedere Ufo”.

Anche il capitano Bush Fox, ex-capo dei servizi di sicurezza della base, ha detto in una intervista di aver visto quattro sfere volanti disposte a quadrato sorvolare la base, stazionare, e poi schizzare via in direzioni differenti, e ciò accadeva già sul culminare degli anni ’60. “Eravamo in tredici, quella sera, tra le 23:00 e le 23:30, non si trattava di velivoli convenzionali, erano quattro sfere verdi e nulla lasciava pensare ad un aereo o ad un velivolo di qualsiasi genere”.

Secondo l’ufologo Joseph Skipper lo scopo dell’Area 52 è quello di testare armi chimiche e biologiche compresi i materiali radioattivi.

Dugway è interdetta al volo ed ai satelliti (che però sono riusciti a fotografarla: le mappe di Google infatti hannoArea 52: la nuova Area 51! individuato una sorta di cupola appiattita, probabilmente di materiale resinoso, con una cavità rettangolare all’interno).

Nel settembre 2004 è stata usata dalla NASA per testare la sonda Genesis perché il terreno circostante ricorda quello lunare, ma cosa vi accada nei reparti sotterranei è tuttora un mistero, e pare continuerà ad esserlo per moltissimo tempo.

Molti testimoni hanno affermato di aver visto degli starni oggetti sorvolare la base e poi scappare dopo essere stato colpiti da fasci di luce sparati da terra e questo fa pensare che gli Stati Uniti sono in possesso di tecnologie avanzate di cui siamo all’oscuro.