giovedì , 13 Dic 2018
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Un “arca spaziale” per salvare l’umanità

Un “arca spaziale” per salvare l’umanità

Un "arca spaziale" per salvare l'umanitàGli scienziati stanno sviluppando un Arca di Noè interstellare, una navicella spaziale autosufficiente che può trasportare l’uomo in una missione di sola andata alla ricerca di nuovi mondi abitabili qualora si dovesse verificare una catastrofe globale.

I ricercatori del Regno Unito stanno lavorando al Progetto Persephone con i colleghi provenienti dagli Stati Uniti, Italia e Paesi Bassi i quali indagheranno sulle nuove bio-tecnologie che potrebbero aiutare un giorno a creare un veicolo spaziale autosufficiente capace di trasportare delle persone oltre il nostro sistema solare.

L’astronave dovrebbe includere nella sua struttura della materia organica come le alghe e il suolo artificiale, utilizzando l’energia del sole per produrre biocarburante e una fonte sostenibile di cibo, i ricercatori hanno riferito che l’astronave potrebbe mantenere in vita alcune migliaia di persone per diverse generazioni in una missione di sola andata alla ricerca di un nuovo mondo da abitare.

Secondo il sito web del progetto, gli scienziati stanno “prendendo in considerazione l’applicazione di tecnologie che vivono come protocellule, la chimica intelligente programmabile, nel contesto dell’architettura della nave stellare abitabile in grado di rispondere ed evolvere in base alle esigenze dei suoi abitanti”.

Rachel Armstrong, anziano docente di architettura e design presso l’Università di Greenwich, sta conducendo ilUn "arca spaziale" per salvare l'umanità progetto, che comprende 13 progettisti.
La ricerca di Armstrong si concentra sulla bio-ingegneria, lo sviluppo del suolo artificiale e delle goccioline d’acqua che possono essere programmate per trasportare gli elementi chiave.

“Se la Terra dovesse esaurire le sue risorse indispensabili per gli esseri umani per via dei cambiamenti climatici, guerre nucleari o biologiche, dobbiamo preservare la civiltà umana. Dobbiamo fare in modo che la natura possa sopravvivere, accogliendo nell’astronave alcuni campioni essenziali per lo sviluppo della vita su altri pianeti”, ha dichiarato Steve Fuller, sociologo presso l’Università di Warwick. I ricercatori sperano che lo scopo principale del progetto sarà quello di insegnarci come costruire delle città sostenibili sulla Terra.