lunedì , 10 Dic 2018
Home » Nuove Scoperte » Trovato tunnel che collega le due sponde dello Stretto di Messina

Trovato tunnel che collega le due sponde dello Stretto di Messina

Trovato tunnel che collega le due sponde dello Stretto di MessinaUn vero e proprio tunnel sotterraneo riconducibile al periodo romano è stato scoperto nello Stretto di Messina, da un gruppo di operai che stavano effettuando una serie di carotaggi sul tratto autostradale che collega Villa San Giovanni a Scilla.

Secondo i primi rilievi fatti da un team di archeologi e geologi incaricati dalla Sovraintendenza il tunnel, profondo tra gli 80 metri e i 200 metri e lungo più di tre chilometri, dovrebbe collegare le due sponde dello Stretto. L’entrata si trova sotto la Torre Cavallo e l’uscita nelle vicinanze del Pilone a Messina.

Dai primi rilevamenti al carbonio si può dire con certezze che è stato costruito nel periodo delle guerre puniche (264 – 241 a.C.) e sicuramente sarà servito come passaggio militare delle truppe romane verso la Sicilia. In seguito è statoTrovato tunnel che collega le due sponde dello Stretto di Messina usato come riparo dai fenomeni naturali e dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e secondo gli esperti, questa rete di tunnel si estende in tutta la Sicilia, a partire da Messina fino a Sciacca.

L’archeologo Marco Manti spiega che: “Solo a Villa San Giovanni abbiamo trovato 700 metri di questa rete di tunnel sotterranei, a Ganzirri ne abbiamo trovati altri 350 metri.. si tratta di cavità ampie solo 170 centimetri, appena sufficienti a permettere il passaggio di una persona, inoltre i tunnel sono intervallati da piccole camere di stoccaggio e posti a sedere”.

Dopo la messa in sicurezza del tunnel, a giorni sarà organizzata una spedizione di speleologi che da Torre Cavallo arriverà fino a Ganzirri.