mercoledì , 20 Mar 2019
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Ultimi giorni di Parmitano sulla ISS

Ultimi giorni di Parmitano sulla ISS

Ultimi giorni di Parmitano sulla ISSMancano pochi giorni al rientro sulla Terra del nostro Luca Parmitano, attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e impegnato nella missione “Volare”, il ritorno è previsto per il prossimo 11 novembre.

La Expedition 37 ha preso avvio lo scorso 29 maggio 2013 quando la Soyuz TMA-09M venne proiettata in orbita con il primo italiano della storia spaziale ad effettuare una passeggiata spaziale. La sua seconda attività extraveicolare poi, il 17 luglio, ci ha lasciati con il fiato sospeso quando fu interrotta a causa di una infiltrazione di liquido nel casco.

L’obiettivo principale per l’equipaggio attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale è quello di mettere a punto alcuni esperimenti scientifici che non possono essere eseguiti in qualsiasi altro luogo sul pianeta.

“Volare”, dalle note fortemente evocative, è il nome assegnato alla missione, che sarà ricordata per importanti primati, assegnata all’Agenzia Spaziale Italiana dalla Nasa, è stata la prima di lunga durata per l’Asi.

Ultimi giorni di Parmitano sulla ISS

La missione di Parmitano ha avuto, tra gli altri obiettivi, quello di diffondere la conoscenza e di avvicinare le nuove generazioni al settore spaziale e diffondere messaggi positivi per le giovani generazioni, per questo, il cosmonauta catanese si è da subito lanciato come paladino dello scambio interculturale, grazie alla sua volontà di diffondere la conoscenza e l’importanza degli scambi, nonché le esperienze tra studenti di tutto il mondo.

Insomma, l’avventura di Luca Parmitano non ci ha fatto mancare nulla, e c’è da dire che le moderne tecnologie e l’uso dei social network rendono le distanze nettamente brevi, anche quelle tra noi e la ISS, chiunque, infatti, grazie ad un computer o ad uno smartphone ha avuto accesso alle meraviglie vissute e immortalate dagli astronauti, rendendoci tutti un po protagonisti.