mercoledì , 21 novembre 2018
Home » Astronomia e Spazio » La cometa Ison e il ritorno del messia

La cometa Ison e il ritorno del messia

La cometa Ison e il ritorno del messiaPiù si avvicina al nostro pianeta e più il mistero che circonda la cometa ISON si infittisce.

Inspiegabili ed imprevisti cambi di rotta, oggetti volanti non identificati che vi orbitano attorno come fosse scortata, il fatto che il suo passaggio vicino al nostro pianeta avvenga a distanza di un anno dall’ormai famosa data “Maya” del 21 Dicembre 2012, la NASA che chiude i battenti proprio poco prima dell’arrivo dalle nostre parti della cometa, e chi più ne ha più ne metta.

Per non farci mancare nulla, si rafforza in questi giorni, vista anche la coincidenza di date, la teoria che ISON sia la stessa cometa che guidò i Re Magi verso la grotta dove nacque nostro signore Gesù Cristo nell’anno zero.
E così anche il 2013 avrà la sua scia luminosa in cielo, anche se non è chiaro quale lieto evento possa portare con sé.

Ison, una delle comete più luminose che si sia mai avvicinata a noi, passerà vicino alla Terra mostrando la sua chioma a chi alzerà lo sguardo verso l’alto e sarà grande come una seconda luna.
Il fenomeno sarà visibile da novembre a gennaio, ma proprio a fine dicembre e per l’esattezza il 26 dicembre 2013 la stella arriverà nel punto più prossimo al nostro pianeta e cioè a 60 milioni di chilometri: distanze siderali, ben inteso, ma comunque sufficienti a farci sognare, soprattutto se si pensa all’incredibile coincidenza.
Raggiungerà il perielio, ovvero il punto più vicino al Sole, il 28 di novembre; dopo di ché le sue sorti saranno segnate: la cometa potrebbe disintegrarsi o perdere massa a causa delle radiazioni solari, oppure continuare il suo corso rendendosi di nuovo visibile dalla Terra per tutto il primo mese del 2014.
Staremo a vedere cosa ci riserva il futuro, intanto gli appassionati potranno godere di un fantastico spettacolo astronomico a cui solo “pochi fortunati” è concesso il privilegio di assistere ogni 335 anni circa, ed è toccato proprio a noi che viviamo in questa epoca!