lunedì , 10 Dic 2018
Home » Natura e Pianeta Terra » Il lago “della morte” che trasforma gli animali in statue!

Il lago “della morte” che trasforma gli animali in statue!

Il lago "della morte" che trasforma gli animali in statue!Nel 2011, quando il fotografo Nick Brandt stava viaggiando in Africa orientale, ha visitato alcuni dei laghi più alcalini in tutto il mondo. Il lago Natron in Tanzania, per esempio, ha un livello di pH medio tra 9 e 11 (l’acqua di mare generalmente ha un pH tra 7 e 9) e salvo che non siate un tilapia alcalina (Alcolapia alcalica) un pesce estremofilo che si è adattato alle condizioni difficili, non è il posto migliore per vivere perché la temperatura del lago può raggiungere i 60° C, e la sua alcalinità è tra pH 9 e pH 10.5.

Il lago prende il nome dal natron, un composto naturale costituito principalmente da carbonato di sodio e bicarbonato di sodio, il pH 10.5 sulla scala delle sostanze caustiche è appena di sotto all’ammoniaca, questo rende il lago molto corrosivo, e contribuisce alla “trappola mortale” di tanti uccelli e mammiferi che entrano in acqua.

Il contenuto minerale può arrivare così in alto da rendere l’acqua molto densa, gli animali confusi dalla superficie vitrea del lago finiscono in acqua e rimangono intrappolati, lentamente calcificano perché l’acqua è così “pesante” che non permette loro di sfuggire.

Il lago "della morte" che trasforma gli animali in statue!

Ethan Kinsey, ha viaggiato con Brandt, ricorda: “Abbiamo perlustrato le rive del lago raccogliendo una varietà di uccelli tra cui hornbills, fenicotteri, storni, colombe, gruccioni, uccelli topo e quelea che erano stati mummificati dai sali presenti nell’acqua, i piccoli invertebrati, pesci e pipistrelli rimasti immobili, erano affascinanti nella loro posa di morte”.

Il lago "della morte" che trasforma gli animali in statue!

Nick Brandt, ha aggiunto: “Ho preso le creature esattamente come li ho trovati sulle rive del lago, poi per così dire li ho collocati in pose viventi, riportandoli alla vita, non ho potuto fare a meno di fotografarli, nessuno sa per certo come muoiono, sembra che l’estremo riflesso della superficie del lago li confonde, nel caso degli uccelli vanno a schiantarsi sull’acqua come contro le vetrate, storditi, restano intrappolati nel lago”.