mercoledì , 20 Mar 2019
Home » Cospirazioni e Complotti » Il KGB trovò la mummia di un antico astronauta? [Video]

Il KGB trovò la mummia di un antico astronauta? [Video]

Il KGB trovò la mummia di un antico astronauta?Cosa accomuna l’ex KBG, una tomba, l’Egitto, strane morti e una mummia? L’unica risposta possibile a questo quesito è il progetto Iside.

Iniziato per volontà del KGB nel lontano 1945, il progetto aveva lo scopo di ricercare il maggior numero possibile d’informazioni circa una mummia unica nel suo genere in tutto il globo terrestre, trovata in una tomba antica in Egitto.

Venne disposta una equipè di uomini e donne, circa una ventina, tra scienziati di ogni settore, fisici, biologi, archeologi, medici e molti altri ancora, finanziati con un fondo pressochè illimitato direttamente dal governo dell’ex URSS. Perchè tanta attenzione per una semplice mummia?

Analizzando la mummia tramite la prova del carbonio 14 si è ottenuta la datazione del corpo a circa 10500 mila a.C., sul piano storico questa è una delle mummie più antiche mai state ritrovate, e di per se già dunque di gran valore, ma quello che più sconcertò gli scienziati fu l’analisi del DNA che dette un risultato sorprendente.

Se si tiene conto che la mummia era alta poco più di 2 metri, il dubbio sorge istantaneamente, l’altezza media degli egiziani dell’epoca era assolutamente inferiore, così come quella odierna, se a questo si aggiunge la datazione straordinaria, la comparazione del cielo nel 10500 a.C. che dava la cintura di Orione esattamente sopra le tre piramidi di Giza, e nei giorni immediatamente dopo la scoperta alcuni scienziati morirono per cause che clinicamente vennero dichiarate incomprensibili(erano tutti in buona salute),  tutto questo diede vita dal 1950 al 1960 al progetto Isis che fu ordinato espressamente dallo stesso Nikita Krushov, ex presidente dell’URSS.

Secondo la mitologia antica egizia Osiride fu il primo faraone d’Egitto il quale fu ucciso a tradimento da suo fratello Seth, ma fuIl KGB trovò la mummia di un antico astronauta? portato di nuovo in vita tramite il sacrificio di sua moglie Iside, infine il figlio di Iside ed Osiride, ovvero Horus avrebbe avuto il compito di combattere contro Seth e quando l’avrebbe vinto Osiride avrebbe potuto finalmente riportare la pace su tutto l’universo.

Nel 1988 un rivista egiziana denominata “Rose El-Yussuf” ha pubblicato un articolo dell’egittologo francese Caparat, secondo il quale avrebbe trovato un manoscritto narrante di un ipotetico incontro tra l’essere della tomba, chiamato Osiris e il faraone Cheope(Kefren-Kufu).

Il primo avrebbe avvertito il secondo di un ritorno sulla terra dei membri della sua specie, avrebbe ordinato la costruzione della famosa piramide di Cheope (la più alta d’Egitto situata a Giza) e della stessa tomba dell’alieno Iside in caso di morte, l’articolo prosegue dicendo che Caparat contattò un biologo spagnolo di nome De Braga, il quale avrebbe dovuto effettuare l’analisi del DNA sulla mummia, ma non ci riuscì in quanto arrestato dalla polizia egiziana e rimpatriato in Spagna.

Alla fine degli anni 90′ in Russia venne trasmesso un documentario sulla tv russa Sci-Fi circa questi avvenimenti e un video raffigurante degli scienziati e militari russi del KGB che entrando in una tomba egizia, trovavano in un sarcofago una mummia, dalle fattezze identiche rispetto a quelle descritte dal dossier del progetto Isis.

Nel 1959 il 43% degli aiuti economici che l’URSS dava agli stati colpiti dalla seconda guerra mondiale era destinato all’Egitto, si parla di cifre attestabili ad almeno 10 mld di dollari, se non di più (cifra enorme ad oggi, ancora di più per l’epoca), 20 mila soldati russi erano di stanza nel paese, in quanto sotto l’influenza sovietica, dovuta alla ripartizione del mondo secondo i due grandi blocchi, occidentali ed orientale.

Il KGB trovò la mummia di un antico astronauta?Nel 1960 un dossier del KGB reso pubblico in questi ultimi anni informa che il KGB era interessato ad una coppia di beduini egizi che furono ricoverati in un ospedale del Cairo gridando in maniera ossessiva di una fantomatica “tomba del visitatore” che avevano trovato ed in cui erano entrati, mentre stavano badando alle loro capre nel deserto.

Le conclusione che possiamo evincere da questo strano caso sono molte: in primis l’altezza della mummia è sicuramente notevole rispetto alla media degli abitanti egizi del 10500 mila a.C., il manoscritto trovato dall’egittologo francese è stato analizzato ed ormai è un chiaro e conclamato falso, cosa che invece non si può dire per il video della tv russa, ora anche disponibile sul web.

La morte “inspiegabile” degli scienziati risulta essere invece spiegabile verosimilmente con l’apertura del sarcofago nel quale molto probabilmente vi erano incluse alcune spore batteriche o virus rimasti quiescienti nei secoli, eventi del genere nei primi anni del 900, ma anche fino a pochi anni dopo la seconda guerra mondiale erano comuni.

Nel video però si vedono due individui beduini vestiti di bianco, che quasi come da guida spiegano i significati delle iscrizioniIl KGB trovò la mummia di un antico astronauta? della tomba ai militari e agli scienziati, sui muri vi era narrata quasi in maniera ossessiva la leggenda o mito del ritorno di Osiride e degli “dei alati”, tuttavia se fosse stata una tomba di un dio egizio, presumibilmente doveva contenere qualche ricchezza, invece risulta essere spoglia e molto spartana e l’ipotesi che la tomba fosse stata saccheggiata potrebbe spiegare questa situazione.

Si notano alcuni uomini vestiti di vecchie tute antiradiazione dell’epoca 1950-1960, che dotati di apparecchiature in grado di rilevare le radiazioni, cercano di capire se l’esposizione a quel luogo potrebbe avere dei risvolti negativi sull’uomo, anche questa potrebbe essere una spiegazione per le morti inspiegabili, dato che molti di quei scienziati erano rimasti a lungo nella tomba e solo alcuni di essere uscirono quasi subito perché accusarono dei giramenti di testa.

I test radioattivi dettero però esito negativo, altro evento strano fu la rivelazione nella tomba di una serie di onde repulsive, prodotte dalle mura della stanza e che in nessun modo si riuscivano a toccare.

Nella tomba, oltre alla mummia, vennero recuperate 8 steli, e altri reperti, il fatto che in questa tomba vi siano iscrizioni riguardati la cintura di Orione, posizionata esattamente sopra le piramidi, e che confrontando i dati al carbonio 14 della mummia, ci da un dato incontrovertibile circa la datazione di essa, ovvero 10500 a.C.

Il KGB trovò la mummia di un antico astronauta?

Quando fu trasmesso in tv il video, una donna affermò di aver visto suo padre, che effettivamente lavorò per il KGB come scienziato, anche in Egitto e partecipò al progetto Isis, nel 1985 i sopravissuti dell’equipè ed alcuni loro figli giunsero inanzi alla tomba della mummia in Egitto(all’epoca vuota ed ancora oggi lo è) perché secondo la loro ipotesi l’apertura della tomba fungeva da segnale per il ritorno degli “dei alati”.

Ciò che si sa realmente è che queste persone scomparvero nel nulla, insieme al loro pullman che gli conduceva presso la tomba, non si seppe più nulla di loro, solo una denuncia di scomparsa da parte dei familiari rimasti in Russia di queste persone.