mercoledì , 12 Dic 2018
Home » Ufo e Alieni » Ufo: due avvistamenti sui cieli di Londra

Ufo: due avvistamenti sui cieli di Londra

Ufo: due avvistamenti sui cieli di LondraDue dischi argentei avvistati a pochissima distanza da ben tre aerei con passeggeri a bordo in avvicinamento all’aeroporto londinese di Gatwick, l’episodio allarmante è avvenuto circa sei mesi fa, ma è arrivato alla ribalta solo nei giorni scorsi ed ha anche innescato una polemica sui tabloid britannici.

A raccontare la cronaca di quella collisione mancata per un soffio nel cieli di Londra è stato il quotidiano The Sun, lo scorso 30 dicembre, verso le 9 del mattino, i piloti di un volo commerciale hanno segnalato alla torre di controllo la presenza di intrusi nel loro corridoio di discesa allo scalo, hanno espressamente parlato di “due dischi piatti di color argento”, come prova il rapporto ufficiale diffuso dall’United Kingdom Airprox Board.

Con il termine “airprox” si intende una situazione nella quale, a giudizio del pilota o del controllore di volo, la sicurezza di un aereo può essere compromessa dalla posizione o dalla velocità di un secondo aviogetto, che in questo caso è stato osservato, ma non identificato, tutte e tre i piloti a bordo del Boing 777 in questione hanno visto gli oggetti passare a 30-60 metri sotto di loro, anche gli equipaggi di altri due voli li hanno ugualmente notati e segnalati, tutti hanno infatti informato il Controllo del traffico aereo.

Ufo: due avvistamenti sui cieli di Londra

La natura degli oggetti non è stata determinata, anche se i testimoni oculari hanno ipotizzato che fossero non meglio identificati “giocattoli”, forse freesbee d’alta quota? Aquiloni di forma insolita? Droni radiocomandati da ragazzini tecnologici? In ogni caso, pare che l’avvistamento sia stato confermato anche dai radar che ha un certo punto hanno visto addirittura sei oggetti volanti, poi spariti all’improvviso, uno di questi si trovava sopra East Gristead.

Non importa sapere cosa fossero, non importa neppure credere o meno agli Ufo, la questione è molto più grossa e va affrontata con maggior serietà di quanto fatto finora: cosa sarebbe accaduto se uno di questi oggetti avesse colpito l’aereo? Oggi staremmo parlando di una strage, la sicurezza deve essere la nostra priorità.