mercoledì , 22 Mag 2019
Home » Natura e Pianeta Terra » Tempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una minaccia reale

Tempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una minaccia reale

Tempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una reale la minacciaUn’interruzione di corrente potrebbe lasciare tutte le nazioni occidentali senza elettricità per mesi, in caso di una forte tempesta geomagnetica, ad annunciarlo non è solo il direttore della NASA Charles Bolden ma anche un nuovo rapporto scientifico in cui si sostiene che è “quasi inevitabile in futuro che ciò avvenga”, mentre il Sole si avvicina al picco del ciclo solare massimo.

E’ un fatto noto che l’attività solare è interconnessa con i campi geomagnetici del nostro pianeta che sono noti per influenzare la vita sulla Terra, tra cui le interruzioni elettriche diffuse, attualmente l’attività del Sole si sta avviando verso ciò che è noto come il massimo solare, ovvero il picco massimo dell’11° ciclo solare che è previsto nel 2015.

Secondo il rapporto, prodotto dalla Lloyd, in collaborazione con scienziati per la Ricerca Atmosferica e AmbientaleTempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una reale la minaccia (AER), le tempeste solari super, normalmente si verificano all’incirca ogni 150 anni, l’ultimo è l’evento Carrington avvenuto nel 1859, una tempesta geomagnetica che ha causato interruzioni nelle linee telegrafiche in tutto il mondo e producendo aurore brillanti.

Tuttavia questo è accaduto quando la gente non era così dipendente dall’energia elettrica, il rapporto dell’AER delinea uno scenario apocalittico, per esempio, i sistemi di controllo del traffico aereo si fermeranno, si produrranno dei Black Out potenzialmente pericolosi che faranno rimanere a terra intere flotte di aerei, treni etc…

I satelliti che alimentano le reti di telecomunicazioni in tutto il mondo verranno messe a KO, i pazienti ricoverati negli ospedali e che la loro vita dipende dalle apparecchiature elettriche, sarebbero messi a rischio.

Tempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una reale la minacciaGRAVI DANNI ALL’ECONOMIA
Tutto questo può verificarsi a seguito di forti tempeste geomagnetiche, gravi alterazioni negli strati superiori della nostra atmosfera potrebbero essere causate dalle tempeste solari.

Le tempeste geomagnetiche inducono correnti nei conduttori lunghi, come le linee elettriche, queste correnti addizionali possono innescare un collasso di tensione elettrica o danneggiare i trasformatori ad altissima tensione e i costi economici sarebbero catastrofici, secondo il rapporto AER.

Il costo totale di un tale scenario oggi in Europa e Nord America è stimato all’incirca di 2.600 miliardi di dollari per un periodo di blackout di cinque mesi, anche se potrebbe essere a partire da 600 miliardi dollari, secondo le relazioni del quotidiano Telegraph.

Nel marzo 1989, la più forte tempesta geomagnetica mai registrata prima, aveva causato il crollo del sistema di trasmissione di energia elettrica del Québec in Canada, più di sei milioni di persone sono state senza energia elettrica per nove ore, il tutto è costato al governo una cifra pari a 12,7 miliardi dollari.

Record aurorali storici suggeriscono un periodo di 50 anni per le tempeste come quella del Quebec e circa 150 anni perTempesta Solare: secondo un rapporto scientifico sarebbe una reale la minaccia le tempeste estreme, come l’evento Carrington, i ricercatori hanno mappato i potenziali effetti sul territorio di una tempesta solare estrema che potrebbe colpire gli Stati Uniti e gli effetti potrebbero essere simili all’Evento Carrington.

Secondo i dati del rapporto AER, la popolazione totale degli Stati Uniti sarebbe a rischio di interruzione prolungata da una tempesta di livello Carrington e porterebbe danni economici tra i 20-40 milioni di euro, con una durata di sedici giorni per uno o due anni.

“La durata delle interruzioni dipenderà in gran parte dalla disponibilità di trasformatori di ricambio, se nuovi trasformatori devono essere ordinati, il lead-time è probabile che si possa ridurre ad un minimo di cinque mesi “,
“Il numero di sostituzioni e di produzione di nuovi trasformatori è limitata e prende un periodo abbastanza lungo di tempo, fino a quasi due anni”, ha detto Neil Smith, responsabile della ricerca presso i Lloyd di Londra, come citato dal Telegraph.

“Questi sono enormi pezzi delle apparecchiature, costruzione e il trasporto è un lavoro enorme, ha aggiunto, questo potrebbe richiedere settimane, anche anni, in caso di una davvero grande tempesta”.

Ci sono attualmente quattro satelliti in grado di avvertire la Terra dell’arrivo di una CME (eruzione di massa coronale) e consentire agli operatori di rete di preparare e adottare misure preventive prima della tempesta, anche se il rapporto AER aggiunge che la forza della tempesta può essere misurata solo in 15-30 minuti prima che colpisca.

I satelliti sono anche abbastanza vecchi e la loro vita di missione è limitata, dovrebbero essere sostituiti, tuttavia il costo della prevenzione è riferito, che è molto più piccolo del prezzo dei danni causati da un’unica tempesta solare e geomagnetica.

Ad esempio, dopo l’interruzione di corrente nel Quebec, il governo canadese ha adottato misure preventive e ha investito circa 1,2 miliardi dollari nel proteggere l’infrastruttura di rete elettrica nel Quebec, risparmiando potenzialmente miliardi di dollari se l’incidente dovesse verificarsi di nuovo.