giovedì , 22 Agosto 2019
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Scoperti altri due pianeti extrasolari nell’Universo

Scoperti altri due pianeti extrasolari nell’Universo

Scoperti altri due pianeti extrasolari nell’UniversoGli scienziati hanno colto la luce del più brillante esopianeta mai catturato da una telecamera, si tratta del pianeta HD 95086b: è questa la sigla del nuovo pianeta scoperta, che orbita intorno a una stella che si trova a 300 anni luce dalla Terra.

Sulla base della sua luminosità, gli scienziati ritengono che il pianeta abbia una massa pari a 4-5 volte quella di Giove, la sua stella è leggermente più grandi del nostro Sole ed è circondata da un disco di polveri e secondo i ricercatori, dovrebbe avere un’età compresa fra 10 milioni e 17 milioni di anni (il Sole, invece, ha 4,6 miliardi di anni).

“La luminosità della stella ci fa pensare che la superficie di HD 95086b abbia una temperatura di circa 700 gradi centigradi”, hanno spiegato, dell’Institut de Planetologie et d’Astrophysique di Grenoble, Francia.

Le osservazioni sono state condotte usando il Very Large Telescope dello European Southern Observatory, intanto,Scoperti altri due pianeti extrasolari nell’Universo utilizzando i piccoli telescopi Kelt in Arizona ed in Sud Africa, un gruppo di scienziati ha scoperto un altro pianeta extrasolare a circa 700 anni luce dalla Terra.

Scoperto con la tecnica del transito e denominato Kelt-6b, l’astro è visibile dalla superficie della Terra per circa cinque ore, il pianeta orbita molto vicino alla sua stella, tanto da impiegare soltanto 7,8 giorni per percorrere una rivoluzione completa, ed è molto simile per massa e dimensioni a Saturno, nonostante sia privo di anelli.

Dopo le osservazioni con i due telescopi, la scoperta è stata confermata da Karen Collins, dall’Università di Louisville, nel Kentucky, presso la quale sono stati raccolti ulteriori dati per la conferma.

Scoperti altri due pianeti extrasolari nell’Universo

Lo stesso Collins ha poi presentato le informazioni acquisite in occasione della 222 riunione della American Astronomical Society, attualmente l’astronomo sta indagando su un potenziale secondo corpo nello stesso sistema planetario.