sabato , 23 Mar 2019
Home » Ufo e Alieni » Un Airbus 320 rischia la collisione con un Ufo

Un Airbus 320 rischia la collisione con un Ufo

Un Airbus 320 rischia la collisione con un UfoLo scorso 2 dicembre 2012, un aereo di linea con 220 persone a bordo è quasi entrato in collisione con un oggetto volante non identificato, solo ieri sono stati diffusi i risultati della minuziosa indagine svolta dalla UK Airprox Board, l’agenzia del Regno Unito che si occupa della sicurezza del traffico aereo.

L’incontro ravvicinato, secondo i rapporti, potenzialmente disastroso, è avvenuto mentre l’aeromobile si trovava a sorvolare il sobborgo di Glasgow Baillieston, pochi istanti prima di cominciare le manovre di atterraggio sulla pista dell’aeroporto internazionale di Glasgow, Scozia.

Secondo quanto dichiarato dai piloti, l’UFO era “blu e giallo” e dalla forma sferica abbastanza grande, nel rapporto, il comandante ha dichiarato che l’oggetto volante ha sfiorato l’Airbus, sfrecciando a circa 90 metri sotto la fusoliera, il rischio di collisione è stato definito “alto”.

Nonostante l’inchiesta approfondita, l’Airprox al momento non è in grado di appurare la natura dell’oggetto volante che, secondo quanto si apprende dai rapporti, poteva causare un grave incidente aereo.

L’A320 viaggiava in condizioni di visibilità buone, con il sole alle spalle, quando entrambi i piloti del velivolo hanno visto un oggetto davanti a loro a circa 100 metri di distanza.

Un Airbus 320 rischia la collisione con un UfoNel rapporto ufficiale, i piloti hanno dichiarato che “l’oggetto è sfrecciato al di sotto della fusoliera dell’Airbus, prima che uno dei due piloti avesse avuto il tempo di effettuare la manovra per evitare l’impatto”, l’oggetto si presentava di colore blu e giallo, quasi argentato, era abbastanza grande e presentava una piccola area frontale.

La torre di controllo ha dichiarato che in quel momento non c’erano comunicazioni audio in essere, né i radar segnalavano la presenza di un qualsiasi oggetto volante, sulla base di tali dati, nel rapporto si legge che l’agenzia respinge sia l’ipotesi di un piccolo aereo a motore, sia quella del pallone meteorologico, dato che si tratterebbe in entrambi i casi di oggetti rilevabili dai radar.