mercoledì , 20 Mar 2019
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Contro l’alopecia, “cura del vampiro”

Contro l’alopecia, “cura del vampiro”

Contro l'alopecia, "cura del vampiro"In arrivo la “cura del vampiro” per riconquistare una chioma fluente dopo la perdita dei capelli, il rimedio promette risultati risolutivi e consiste nella somministrazione di iniezioni di plasma arricchito di piastrine e derivato dal sangue prelevato agli stessi pazienti, che porterebbe alla ricrescita dei capelli, la conferma arriva da uno studio italo-israeliano pubblicato sul British Journal of Dermatology.

Il metodo consiste nel prelevare il sangue del paziente e trattarlo quindi in laboratorio, per derivarne plasma arricchito di piastrine (Prp), il plasma così ottenuto viene quindi re-iniettato al soggetto direttamente sul cuoio capelluto.

Per Fabio Rinaldi, della International Hair Research Foundation e Università di Brescia, la soluzione di plasma Prp stimolerebbe nuove cellule staminali sotto la cute, facilitando la ricrescita dei capelli.

Lo studio è stato condotto su 45 volontari affetti da alopecia areata (che colpisce in media il 2% della popolazione, incluse donne e bambini, e contro cui non sono disponibili ad oggi trattamenti curativi o preventivi), i volontari sono stati divisi in tre gruppi, a ognuno dei quali è stata iniettata sulla metà del cuoio capelluto la soluzione Prp o, in alternativa, un altro trattamento o una soluzione placebo.

Eseguiti tre trattamenti nell’arco di 12 mesi, i ricercatori hanno potuto osservare che i soggetti trattati con Prp mostravano una “significativa” ricrescita dei capelli.

Contro l'alopecia, "cura del vampiro"

La tecnica, commenta Giulio Basoccu, responsabile Divisione di Chirurgia Plastica Estetica e Ricostruttiva dell’Istituto neurotraumatologico italiano, “si fonda su un principio cardine secondo cui le cellule staminali presenti nel bulbo del capello sono dotate di recettori per i fattori di crescita.

I fattori di crescita presenti nelle piastrine sono così in grado di stimolare le staminali dei bulbi piliferi ancora presenti, ma silenti, a produrre il capello, questa tecnica è efficace in tutti gli stadi della calvizie e la ricrescita dei capelli comincia dopo 1-2 mesi dalla prima seduta e raggiunge il culmine dopo sei mesi”.

Insomma, una reale speranza per tanti uomini, ma anche per tantissime donne, Basoccu precisa: “Sempre più numerose ci chiedono infatti di intervenire sulla loro calvizie, molte dopo la gravidanza o, per esempio, un periodo di stress che ha determinato un’alopecia”.