sabato , 25 Mag 2019
Home » Civiltà Antiche e Archelogia » Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di Galilea

Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di Galilea

Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di GalileaUn’enigmatica struttura circolare in pietra è stata individuata sul fondo del famoso Mare di Galilea, in Israele, tanto curiosa da lasciare perplessi gli archeologi, i quali non sono in grado di chiarire quale fosse il suo scopo e quanto tempo fa sia stata costruita.

Come spiega l’articolo comparso sull’ultimo numero della rivista International Journal of Nautical Archaeology, la struttura è stata scoperta nel 2003 durante una scansione con il sonar della zona sud-occidentale dello specchio d’acqua.

Da quel momento, i ricercatori hanno continuato ad organizzare spedizioni subacquee per indagare sulla natura e analizzare il misterioso oggetto.

Mettendo insieme i dati raccolti nel corso delle indagini, i ricercatori hanno concluso che l’enorme struttura è di forma conica, con il diametro della base pari a circa settanta metri e un altezza di dieci metri, circa il doppio delle dimensioni di Stonehenge.

Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di GalileaComposta di ciottoli e massi di basalto grezzi, secondo una stima approssimativa, l’enorme cono di pietra dovrebbe pesare all’incirca 60 mila tonnellate, molto più pesante rispetto alla maggior parte delle navi mercantili dei nostri giorni.

I ricercatori hanno sottolineato che la forma e la composizione del ritrovamento non assomigliano a nessuna struttura naturale conosciuta e quindi la conclusione è che si tratti di una struttura artificiale, ma la sua datazione rappresenta un vero enigma.

Il gigantesco cono sembra essere stato realizzato utilizzando una serie di rocce impilate le une sulle altre, strutture di questo tipo sono noti in altre parti del mondo e talvolta sono utilizzate per contrassegnare delle sepolture, ma in questo caso, gli studiosi non riescono a capire se la struttura appena scoperta è utilizzata per questo scopo.

“Le ispezioni subacquee hanno rivelato che la struttura è fatta con pietre di basalto grandi fino a un metro di lunghezza, senza nessuna finalità apparente che ne giustifichi la realizzazione”, scrivono i ricercatori nell’articolo.

“I massi sono di forma naturale, senza nessun segno di taglio o scalpellatura, allo stesso modo, non abbiamo trovato nessun segno di unione o muri che delimitino questa struttura”, i ricercatori sono sicuri che la costruzione sia stata costruita sulla terra ferma e solo più tardi fu ricoperta dalle acque del Mare di Galilea.

Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di Galilea

Per uno studio approfondito dell’intrigante ritrovamento, sembra essere necessario uno scavo archeologico sottomarino, affinchè i ricercatori possano ritrovare manufatti correlati e determinare la data e lo scopo della struttura.

Secondo Yitzhak Paz, dell’Israel Antiquities Authority e professore alla Ben-Gurion University, la struttura potrebbe risalire ad oltre 4 mila anni fa, “Si tratta della conclusione più logica, dato che altre strutture megalitiche presenti nella zona risalgono a quel periodo”, spiega Paz in un’intervista rilasciata per livescience.com.

Scoperta una misteriosa struttura circolare sul fondo del Mare di GalileaUn esempio è il sito monumentale di Khirbet Beteiha, a circa 30 chilometri di distanza, composto da tre cerchi concentrici di pietre, il più esterno dei quali misura un diametro di circa 56 metri”.

Se la datazione della struttura si dovesse rivelare corretta, allora potrebbe essere messa in relazione con un’antica città ritrovata a circa un miglio a nord che i ricercatori chiamano “Bet Yerah” o “Khirbet Kerak”, nel terzo millennio, la città era uno dei più grandi centri urbani della regione, ha spiegato Paz, considerata dagli archeologi come la città più potente e fortificata in tutto Israele.

A darne una descrizione dettagliata è l’archeologo Raphael Greenberg, parlandone come una città-stato fortificata di circa 30 ettari e con una popolazione di circa 5 mila abitanti, con strade lastricate e imponenti mezzi di difesa, “Sono tutti indizi che indicano l’esistenza di un qualche tipo di autorità comunale in grado di mantenere le strutture pubbliche”, spiega Greenberg.

Secondo il team di ricerca, questo spiegherebbe anche la complessa realizzazione dal cono di pietra da parte dei leader di Bet Yerah, la cui costruzione ha richiesto una sofisticata progettazione e organizzazione, “Lo sforzo impiegato per realizzare l’opera è indicativo di una società ben organizzata, con capacità progettuali e capacità economica”, scrivono gli archeologi.

Il professor Paz spera di poter organizzare quanto prima una spedizione archeologica subacquea per cominciare a scavare la struttura, il ritrovamento di manufatti potrebbe aiutare a determinare la datazione del cono di pietra con più sicurezza.

Paz ha sottolineato che l’Israel Antiquities Authority è già in possesso dei mezzi necessari per realizzare lo scavo: “cercheremo di farlo in un futuro molto prossimo, mi auguro, ma dipende da un sacco di fattori”, conclude Paz.