mercoledì , 20 Mar 2019
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Meteorite di Chelyabinsk: si teme contaminazione “aliena” dell’acqua

Meteorite di Chelyabinsk: si teme contaminazione “aliena” dell’acqua

Meteorite di Chelyabinsk: si teme contaminazione "aliena" dell'acquaIl meteorite precipitato più di due mesi fa nel sud degli Urali, presso la cittadina di Chelyabinsk, potrebbe privare gli abitanti locali dell’acqua corrente, secondo gli esperti, la rimozione del frammento meteoritico dal peso di mezza tonnellata dal fondo del lago Čebarkul’, potrebbe causare una piccola catastrofe.

Il fondo del lago su cui poggia il meteorite è ricoperto da una strato di melma spesso molti metri, nel quale il frammento si è letteralmente impantanato e non basterà usare le macchine per pompare via la melma, se l’acqua del lago sarà intorpidita, la città rimarrà senza acqua potabile poiché il lago, infatti, è l’unica fonte di acqua potabile per gli abitanti della città.

Adesso le autorità locali e gli studiosi cercano metodi per estrarre i resti del meteorite senza danneggiare il sistema di approvvigionamento idrico cittadino.

Gli specialisti hanno proposto due soluzioni tecniche, la prima è che si possono eseguire nel frammento piccoli fori, inserirvi mezzi di fissaggio e tirare fuori delicatamente il meteorite con l’aiuto di funi, ma un ricercatore della Repubblica Ceca ha proposto agli abitanti degli Urali una tecnica unica nel suo genere.

Gunter Kletechka, geofisico, biologo ed astrobiologo ceco, ha ideato un metodo radicale e sicuro, il ricercatore ha lavorato per 14 anni nella NASA ed ha partecipato al lancio del Mars Rover.

Secondo Kletechka, per tirar fuori il meteorite bisogna congelare la melma attorno allo stesso, non sarà difficile farlo, visto che la temperatura sul fondo del lago è adesso di 3°C sopra lo zero: “Il principio è il seguente, sopra il meteorite ci sono 10 metri d’acqua, più ancora tre metri di melma nella quale lo stesso è letteralmente sprofondato quanto è caduto sul fondo, in primo luogo, bisogna rimuovere lo strato di melma sopra il meteorite per installare sullo stesso un sensore”.

Il sensore è necessario per calcolare precisamente il peso e le dimensioni dell’ospite spaziale, poi verso il meteorite saranno calati tubi attraverso i quali sarà alimentato azoto liquido, lo spazio attorno al meteorite si gela e si forma una specie di mattone di melma che può essere estratto senza danni al sistema di approvvigionamento idrico della città, sostiene Kletechka: “Sul fondo deve essere collocato un gommone sul quale può essere messo il meteorite, resta solo pompare aria nel gommone affinché lo stesso sollevi il meteorite in superficie”.

Meteorite di Chelyabinsk: si teme contaminazione "aliena" dell'acqua

Non si dovrà quindi rivangare la melma spargendola per tutto il lago e inquinandone l’acqua, il ricercatore ceco è convinto che il meteorite abbia potuto portare sulla Terra organismi dallo spazio che non devono essere lasciati entrare nell’acquedotto cittadino.

Gli studiosi russi hanno già stabilito precisamente il posto dove si trova adesso il meteorite, con l’aiuto del magnetometro hanno compilato una mappa magnetica del lago ed hanno rivelato un’anomalia a 50 metri dalla crepa nel ghiaccio prodotta dalla caduta dell’ospite extraterrestre, i lavori per il sollevamento del meteorite inizieranno nei prossimi giorni.