sabato , 24 Agosto 2019
Home » Ufo e Alieni » L’Fbi apre gli archivi su ufo e alieni

L’Fbi apre gli archivi su ufo e alieni

L'Fbi apre gli archivi su ufo e alieniParla di tre dischi volanti che sarebbero stati recuperati in New Mexico negli anni 1950 il visitatissimo rapporto dell’Fbi, stilato da Guy Hottell, e che può già contare su oltre un milione di click sul sito dell’agenzia.

E proprio a proposito di questi documenti resi pubblici dall’Fbi, pubblichiamo il commento del dottor Angelo Carannante, Presidente del Centro Ufologico Mediterraneo:

E’ inutile dare credito e illudersi più di tanto riguardo a questi ennesimi documenti che vengono messi a disposizione di tutti, il cover up è ferreo e indistruttibile.

Nel filmato si parla di questi presunti alieni di minuscole dimensioni e di ufo, ma anche di informazioni non di prima mano, guarda caso, si dice anche del fatto che i casi non sono stati investigati più di tanto.

Ma ci vogliamo prendere in giro? Tutto quello che viene messo online comprese le aperture degli archivi, è puro fumo, anzi vi è di più: è mera disinformazione, credetemi, quale Presidente del C.UFO.M. ed avendone viste tante, penso che l’atteggiamento di tutti i governi è improntato al sistematico discredito del fenomeno ufo.

L’alternativa, pure possibile, è che nessun “umano” ci abbia capito niente perché tecnologicamente tra noi e i presunti alieni c’è un gap a dir poco spaventoso, è come se una persona di duecento anni or sono cercasse di capire il funzionamento dell’odierna civiltà, brancolerebbe nel buio più assoluto, non sappiamo per certo se effettivamente siano stati recuperati dischi volanti precipitati e se la retro ingegneria con riguardo agli ovni sia stata effettivamente messa in pratica cosa che ritengo difficile.

Si immagini un sottomarino nucleare proprio in mano ad uomini di duecento anni fa, sarebbe pericolosissimo la sua manipolazione e i nostri antenati avrebbero a che fare con dei materiali non ancora inventati e lo stesso vale per presunti ufo precipitati, l’unica possibilità plausibile, anche per spiegare il vorticoso ed incredibile sviluppo tecnologico, specie nell’elettronica, sarebbe proprio una collaborazione con degli alieni.

Grossi casi sono coperti al più alto livello di segretezza, riuscirebbe difficile pensare ad un contatto diretto già avvenuto, il caso Medvedev lascia molti interrogativi e sembra che la posizione della stampa italiana, che in un primo momento era stata criticata come troppo possibilista, negli ultimi tempi sia stata rivalutata alla luce di nuovi sviluppi della questione.

L'Fbi apre gli archivi su ufo e alieni

In Italia, il caso più importante di presunti contatti con alieni è quello di amicizia e mi ha colpito un riscontro tra cose raccontate nel libro “Contattismi di massa” di Stefano Breccia ed un caso del C.UFO.M. indagato a Somma Vesuviana alle pendici del Vesuvio.

Nel testo si narra che, quando i W56, alieni protagonisti di Amicizia, arrivavano o ripartivano con le loro astronavi, i contattati osservavano come se il cielo e le stelle si deformassero, la stessa cosa raccontata dai testimoni di Somma Vesuviana che sono a digiuno di ufo e che quindi non conoscono Amicizia.

I W56 se ne andarono molti anni fa e dissero che sarebbero ritornati agli inizi degli anni 2000, quindi forse ci siamo o sono tutte coincidenze?

Il tempo ci dirà, resta fermo che, come sostengo in ogni occasione, il genere umano avrà la conferma definitiva che gli alieni esistono solo quando si riveleranno definitivamente oppure quando saranno mostrate prove inoppugnabili della loro presenza ma fino ad allora è bene conservare una sana prudenza anche se indubbiamente, gli indizi, se non prove quasi certe, sono tanti.