mercoledì , 21 novembre 2018
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » I viaggi verso le stelle diverranno realtà?

I viaggi verso le stelle diverranno realtà?

I viaggi verso le stelle diverranno realtà? È possibile arrivare a sistemi solari diversi dal nostro viaggiando più veloci della luce secondo Harold White, che con la sua squadra ha elaborato alla NASA un motore a velocità superluminale per viaggi interstellari.

Una nave spaziale dotata di questo motore impiegherebbe appena 2 settimane per raggiungere il sistema Alfa Centauri, a 4 anni luce dal Sole, le ricerche di White sono un tentativo di perfezionare la teoria del fisico messicano Miguel Alcubierre, che aveva provocato nel 1994 delle animate discussioni all’interno del mondo scientifico.

Lo scienziato aveva per così dire proposto di comprimere lo spazio davanti a una nave spaziale e di dispiegarlo dietro ad essa, la nave si verrebbe a trovare in una “bolla” nello spazio ritorto e rimarrebbe immobile, così che l’equipaggio al suo interno non percepirebbe il sovraccarico.

Sarebbe lo spazio a muoversi intorno alla nave, da qui avviene lo spostamentо, e lo farebbe allargandosi e comprimendosi a una velocità superiore a quella della luce.

Ciò non contrasta le teorie di Einstein, perché di fatto nessun oggetto all’interno della “bolla” si muove a una velocità superluminale, per la formazione della “bolla” servirebbe una sostanza misteriosa, la massa negativa, che disintegrandosi completamente libererebbe la necessaria energia “oscura”.

I sostenitori della teoria di Alcubierre hanno calcolato per essa diverse grandezze: tre volte la massa del Sole, oppure la massa di Giove, Harold White l’ha abbassata nei suoi calcoli fino a 700 kg, a patto che la “bolla” non abbia forma sferica, bensì quella di una ciambella o più precisamente di un “toro”.

I viaggi verso le stelle diverranno realtà?

White afferma che i risultati del suo lavoro sono incoraggianti, la sua squadra, con l’aiuto dei laser, sta costruendo un modello in miniatura del motore Alcubierre, in cui lo spazio viene deformato in maniera per adesso infinitesimale, in rapporto 1 a 10 milioni.

Non è affatto strano l’interesse della NASA a questo progetto, negli Stati Uniti esiste l’agenzia del Dipartimento della Difesa denominata DARPA, che finanzia anche ricerche “non tradizionali”, nota il membro corrispondente dell’Accademia Russa di Cosmonautica Andrej Ionin.

Una della priorità della DARPA è di indirizzare i finanziamenti verso quei progetti che cadano in maniera «perpendicolare” rispetto all’ordinario; quei progetti confliggenti con le regole esistenti che hanno possibilità molto maggiori di trovare una soluzione originale.

È assolutamente giusto che questo tipo di ricerche, che sembrano fantascientifiche, siano sostenute, lo Stato deve occuparsi proprio di esse, perché non comportano alcun tipo di business.

Rimane comunque la speranza che questa nave spaziale venga costruita? Occorre anzitutto trovare il modo di “addomesticare” la massa negativa, a cui è collegato l’allontanamento delle galassie e l’allargamento dell’Universo, per il momento i fisici sono in grado di prendere in considerazione solo il modello matematico e gli esperimenti di laboratorio.