giovedì , 21 Novembre 2019
Home » Natura e Pianeta Terra » Il global warming fa aumentare gli uragani

Il global warming fa aumentare gli uragani

Il global warming fa aumentare gli uraganiSe la temperatura terrestre continuerà ad aumentare la frequenza degli uragani si potrebbe moltiplicare di dieci volte, la previsione è stata rilasciata a seguito delle nuove ricerche dell’Istituto Niels Bohr di Copenhagen e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Science.

I ricercatori hanno sviluppato diversi modelli per calcolare la frequenza dei cicloni con un clima globale più caldo: uno si basa sulla temperatura marittima regionale e l’altro sulle differenze nelle temperature del mare e le temperature medie regionali negli oceani tropicali ma c’è disaccordo su quale sia il migliore.

“Invece di scegliere tra i due metodi, ho scelto di utilizzare le temperature di tutto il mondo riunite in un unico modello“, spiega il climatologo Aslak Grinsted, del Centro di ghiaccio e clima del Niels Bohr Institute presso l’Università di Copenaghen, che ha condotto la ricerca con i colleghi in Cina e Inghilterra.

Il global warming fa aumentare gli uragani

“Abbiamo scoperto che un riscaldamento climatico di 0,4 gradi Celsius corrisponde ad un raddoppio della frequenza delle tempeste estreme come l’uragano Katrina, con il riscaldamento globale che abbiamo avuto nel corso del ventesimo secolo, abbiamo già superato la soglia, dove più della metà di tutti i ‘Katrina’ sono state causati del riscaldamento globale“, spiega Aslak Grinsted.

Il global warming fa aumentare gli uragani“Se la temperatura aumentasse di un grado ulteriore, la frequenza aumenterebbe di 3-4 volte e se il clima globale dovesse aumentare di due gradi, le tempeste saranno circa dieci volte più estreme.

Ciò starebbe a significare che ci sarà un aumento nelle tempeste della grandezza di Katrina “ogni due anni”, ha dichiarato Grinsted, che rileva inoltre che potrebbe aumentare il livello dei mari a causa del riscaldamento globale, con conseguente peggioramento della marea e potenzialmente più distruttivi”.