giovedì , 27 Giu 2019
Home » Astronomia e Spazio » Si avvicina il passaggio dell’asteroide 2012DA14

Si avvicina il passaggio dell’asteroide 2012DA14

Si avvicina il passaggio dell'asteroide 2012DA14Ormai mancano poco più di 10 giorni allo storico passaggio dell’asteroide 2012 DA14 nei pressi della Terra, in quello che è stato definito un passaggio da record, la roccia spaziale delle dimensioni di circa 45 metri, transiterà a soli 27.700 chilometri dalla superficie terrestre il 15 Febbraio, una distanza astronomica così ridotta da trovarsi all’interno dell’orbita dei satelliti geostazionari.

Rappresenterà l’incontro più vicino da quando si monitorano e si prevedono sistematicamente le orbite di questi oggetti e risulterà un obiettivo intrigante per scienziati ed appassionati.

Fortunatamente non vi sarà alcun pericolo d’impatto, come hanno ribadito Venerdì i ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, ma ipotizzando una collisione, l’asteroide sarebbe in grado di generare danni enormi su scala locale, basti pensare che i danni provocati in Siberia nel 1908, quando vennero abbattuti oltre 2000 chilometri quadrati di foresta, furono causati da un oggetto di dimensioni simili a 2012 DA14.

Proprio la NASA terrà una conferenza stampa alle 20:00 di Giovedì 7 Febbraio, durante la quale verranno divulgate informazioni dettagliate in merito all’evento.

 Al suo massimo avvicinamento, che avverrà alle 20:25 (ora italiana), la roccia spaziale disterà 0.09 volte la distanza che ci separa dalla Luna e sfreccerà a ben 28.000 chilometri orari, sarà visibile come un punto di luce attraverso piccoli telescopi e binocoli, a patto di avere una certa esperienza nelle osservazioni celesti.

Per poterlo osservare sarà necessario conoscere esattamente la sua posizione, avere un buon atlante stellare e posizionare la strumentazione su un treppiede, facendo attenzione, il punto di luce avrà un moto differente dalle stelle di fondo nel cielo.

Si avvicina il passaggio dell'asteroide 2012DA14

I funzionari della NASA hanno garantito che le migliori osservazioni saranno possibili dall’Europa orientale, dall’Asia e dall’Australia, mentre non sarà agevole l’osservazione per gli Stati Uniti continentali, i ricercatori sfrutteranno questo evento per cercare di avere maggiori dettagli fisici e orbitali dell’oggetto e a tale scopo, il radiotelescopio di Goldstone, ubicato nel deserto del Mojave, acquisirà immagini radar dell’oggetto circa otto ore dopo il suo massimo avvicinamento.

Diversi asteroidi negli ultimi decenni sono transitati a distanze anche minori, ma le loro dimensioni sono state sempre più modeste, secondo i ricercatori, rocce delle dimensioni di 2012 DA14 transitano nei pressi della Terra una volta ogni 40 anni, e colpiscono il nostro pianeta una volta ogni 1200 anni circa.

Gli astronomi hanno identificato migliaia di asteroidi potenzialmente pericolosi per la Terra, ma la probabilità di impatto di oggetti grandi almeno un chilometro è stimata in 2 ogni milione di anni.