mercoledì , 12 Dic 2018
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Scoperta l’origine del meteorite che è esploso in Russia

Scoperta l’origine del meteorite che è esploso in Russia

Scoperta l'origine del meteorite che è esploso in RussiaGli astronomi hanno rintracciato l’origine del meteorite che ha provocato più di 1.000 feriti, dopo aver sorvolato la Russia centrale nel mese di febbraio 2013.

Utilizzando i video di riprese amatoriali, alcuni ricercatori sono stati in grado di tracciare la traiettoria del meteorite attraverso l’atmosfera per poi ricostruire la sua orbita intorno al sole.

Mentre la roccia incandescente sorvolava la città di Chelyabinsk, una fortissima onda d’urto faceva esplodere i vetri delle finestre scuotendo gli edifici, un team della Colombia ha pubblicato i dettagli sul sito arXiv.

Diversi video della palla di fuoco sono stati effettuati attraverso le fotocamere dei telefoni cellulari, macchine fotografiche e telecamere a circuito chiuso e successivamente condivisi su Internet, inoltre, le telecamere del traffico avevano registrato la data e l’ora esatta dell’incidente, che ha aiutato la ricerca sulla traiettoria, l’altezza e velocità del meteorite.

Il peso del meteorite è stato stimato dalla NASA tra le 7 e 10 tonnellate e dal diametro di 17 metri, utilizzando il luogo delle riprese e l’impatto avvenuto sul lago Chebarkul, Jorge Zuluaga e Ignacio Ferrin, dell’Università di Antioquia a Medellin, usando la semplice trigonometria sono stati in grado di calcolare la velocità, l’altezza della traiettoria della roccia.

Scoperta l'origine del meteorite che è esploso in Russia

Per ricostruire l’orbita originaria della meteora intorno al Sole, hanno usato sei proprietà differenti del suo percorso attraverso l’atmosfera, la maggior parte di essi erano legati al punto in cui la meteora diventata sufficientemente luminosa per emettere un ombra visibile nei video.

La meteora di Chelyabinsk, sembra aver effettuato un’orbita ellittica attorno al sole prima di entrare in collisione con la Terra, i ricercatori hanno utilizzato un software di astronomia per i calcoli digitati sviluppato dal US Naval Observatory i cui risultati suggeriscono che il meteorite appartiene ad una famiglia di rocce spaziali chiamate asteroidi Apollo.

Finora, circa 9700 asteroidi sono stati scoperti, di questi, 5.200 farebbero parte del gruppo di Apollo e sono stati divisi in gruppi in base al tipo di orbita.

Il Dr. Stephen Lowry, dell’Università di Kent, ha riferito che la squadra ha fatto bene a pubblicare la scoperta così in fretta e ha dichiarato:

“quasi certamente il meteorite sembra essere un membro della classe di asteroidi Apollo, la sua orbita ellittica, la bassa pendenza, indicano l’origine all’interno del sistema solare e molto probabilmente provengono dalla fascia degli asteroidi che si trovano tra Marte e Giove, forse con più dati, siamo in grado di determinare approssimativamente da quale punto della cintura di asteroidi “.