venerdì , 14 Dic 2018
Home » Fenomeni Inspiegabili » Il ritorno della “gelatina stellare”

Il ritorno della “gelatina stellare”

Il ritorno della “gelatina stellare” La misteriosa melma gelatisona semi-opaca, che già nel 2009 aveva fatto la sua comparsa in Scozia, torna ad apparire misteriosamente sui prati del Regno Unito.

Questa volta la “star Jelly” (gelatina stellare) è stata scoperta nella riserva naturale di RSPB Ham Wall, un parco naturale nei pressi di Somerset, in Inghilterra, rivelandosi un vero rompicapo per gli scienziati della zona.

Steve Hughes, direttore della riserva naturale, ha dichiarato di trovarsi di fronte a qualcosa che non aveva mai visto prima. “La settimana scorsa abbiamo trovato diverse quantità di questa gelatina “translucida” in diverse aree della riserva, sempre poggiata sull’erba”, spiega Hughes.

“Si tratta di cumuli con circa 10 centimetri di diametro, abbiamo chiesto a diversi esperti di analizzare la sostanza, ma ancora nessuno è riuscito a capire di cosa si tratti, qualunque cosa sia, è veramente molto strana”.

Secondo alcuni, la misteriosa sostanza potrebbe avere origini extraterrestri, mentre secondo la BBC, che si occupò anche del caso del 2009, sono state avanzate diverse teorie sull’origine della misteriosa sostanza, tra le quali c’è chi sostiene che possa trattarsi di colonie di cianobatteri chiamati Nostoc, oppure che si tratti di una sostanza rigurgitata dagli anfibi.

Un’altra teoria suggerisce che ci troviamo di fronte ad una sostanza che è presente già in antiche leggende del folklore locale, “Anche se non sappiamo di cosa si tratti, qualcosa di simile già è stato descritto in precedenza nei documenti risalenti al 14° secolo, già era menzionata una misteriosa sostanza gelatinosa”, spiega Tony Withehead, portavoce della riserva naturale, “Il folklore associava il suo deposito al passaggio delle piogge meteoritiche”.

Alcuni si sono addirittura chiesti se la sostanza possa essere collegata all’avvistamento di un UFO visto volare su tutta la regione in un arco di fuoco proprio la settimana scorsa.

Ad ogni modo, i funzionari della RSPB Ham Wall hanno sottolineato che la sostanza deve essere collegata a qualche cosa di “vivo” e le persone sono state invitate a non toccare nessuno dei depositi della misteriosa gelatina.

Non è la prima volta che la “gelatina stellare” fa la sua comparsa nelle campagne del Regno Unito, nell’autunno del 2009, dei misteriosi cumuli di gelatina maleodorante furono rinvenuti sui prati di Pentland Hills, nei pressi di Edimburgo, scatenando una marea di avvistamenti simili.

La gelatina è descritta come una sostanza traslucida o dal colora bianco grigiastra, che tende ad evaporare dopo essere caduta dal cielo, alcuni locali, associarono la comparsa della gelatina alla pioggia di meteore verificatasi la sera prima, così da far denominare l’insolito materiale come “Star Jelly” (gelatina stellare).

Il ritorno della “gelatina stellare”

Il National Geographic incaricò un gruppo di scienziati per effettuare dei test che chiarissero la composizione e l’origine della gelatina, ma le analisi di laboratorio non riuscirono a cavare nessun tipo di DNA dalla sostanza, “Non abbiamo potuto individuare nessuna struttura cellulare al suo interno, quindi rimane difficile stabilire cosa sia”, dichiarò il dott. Andy Turner.

Furono avanzate molte ipotesi, dalle più esotiche alle più tranquillizzanti, Steve Mera, investigatore paranormale, è convinto che la strana sostanza sia legata in qualche maniera agli alieni: “Ero sbalordito, non avevo idea di cosa fosse, volevamo ottenere alcuni campioni, ma la mattina dopo, ho visto che nel barattolo non c’era più niente, la gelatina si è dissolta nel nulla, viene dallo spazio sicuramente”.

Altri ricercatori hanno ipotizzato che si tratti di una gelatina prodotta dalle rane per proteggere le uova, oppure che si tratti del vomito di uccelli o di altri animali.