giovedì , 13 Dic 2018
Home » Scienza e Nuove Tecnologie » Spermatozoi da staminali, presto la cura alla sterilità

Spermatozoi da staminali, presto la cura alla sterilità

Un rimedio alla sterilità negli uomini potrebbe arrivare presto dalle cellule staminali. Entro due anni, infatti,  potrebbe essere possibile creare in laboratorio i primi spermatozoi.

Lo afferma una ricercatrice dell’università di Stanford alla Bbc, secondo cui servirà un pò di tempo in più per produrre con lo stesso metodo anche gli ovuli. Nel laboratorio di Renee Pera si sta lavorando su cellule staminali provenienti da embrioni scartati dopo essere stati prodotti per fecondazioni in vitro per capire come queste si differenziano nei diversi tipi.

Renee PeraUna volta imparati i meccanismi che regolano la formazione e la maturazione di spermatozoi e ovuli, l’obiettivo è ottenerli dalle staminali prelevate dagli stessi pazienti e “riprogrammate“: «Le cellule che abbiamo ottenuto nei primi esperimenti hanno ancora degli errori, mentre a noi servono spermatozoi e ovuli perfetti per evitare malattie nei bambini concepiti – spiega l’esperta – una volta ottenuti potremo aiutare quel 15% delle coppie in età fertile che ha problemi di sterilità». Secondo Pera l’utilizzo di embrioni “orfani” non dovrebbe suscitare reazioni dal punto di vista etico: «Negli Usa ogni anno si producono un milione e cinquecentomila embrioni, e cinquecentomila vengono scartati o comunque non usati – spiega la ricercatrice – di questi appena cinquecento sono usati per la ricerca, ma le persone si preoccupano più di questi che dei cinquecentomila ‘orfani’ che rimangono».