sabato , 21 Settembre 2019
Home » Astronomia e Spazio » E’ confermato: nell’Occhio di Sauron c’è un pianeta

E’ confermato: nell’Occhio di Sauron c’è un pianeta

E' confermato: nell'Occhio di Sauron c'è un pianetaGrazie al telescopio spaziale Hubble abbiamo potuto vedere le immagini della stella Fomalhaut, che viene soprannominata “Occhio di Sauron“, data la somiglianza col “cattivone” de “Il Signore degli Anelli”.

Durante gli anni gli scienziati hanno avuto dubbi sul fatto che all’interno dell’anello di polvere che circonda la stella, si parlava di 36.000.000.000 chilometri di diametro, quella minuscola scintilla di luce potesse essere un pianeta.

In effetti tra il 2004 e il 2006, quella che definiremo “macchia di luce” ha cambiato posizione e questo rafforzò l’idea in alcuni di essi, che proprio un pianeta orbitasse attorno a Fomalhaut.

Ora a quanto pare c’è la conferma, si tratta di un pianeta che è stato chiamato Fomalhaut b, come appunto si legge nel comunicato pubblicato martedì scorso:

Gli astronomi sono sorpresi di scoprire che la cinghia detriti è più larga di come l’avevano valutata in precedenza in quanto copre una sezione di spazio dai 14 ai quasi 20 miliardi di miglia dalla stella.

E' confermato: nell'Occhio di Sauron c'è un pianeta

Ancora più sorprendente: le ultime immagini di Hubble hanno permesso a un gruppo di astronomi di calcolare che il pianeta segue un’orbita ellittica insolita su un percorso potenzialmente distruttivo attraverso l’anello di polvere.

Il pianeta durante l’orbita oscilla tra le 4, 6 miliardi di miglia, punto più vicino alla sua stella, alle 27 miliardi di miglia, punto più lontano, l’orbita è stata ricalcolata lo scorso anno grazie alle più recenti osservazioni di Hubble.

Le osservazioni non sono comunque terminate anzi, nei prossimi anni gli scienziati continueranno a monitorare la stella e questo “nuovo” pianeta.

Ciò darà loro modo di osservare appunto un pianeta all’interno di una cintura di detriti di ghiaccio affine alla Fascia di Kuiper che ci riguarda più da vicino in quanto si trova ai margini del nostro sistema solare.