mercoledì , 12 Dic 2018
Home » Leggende e Profezie » Il mistero dell'”Anello della Vita”

Il mistero dell'”Anello della Vita”

Se Londra ha la London Eye, con i suoi 135 metri d’altezza la seconda ruota panoramica più grande del mondo, e New York si appresta a erigerne una altissima di 190,5 metri (il New York Wheel da 230 milioni di dollari), la Cina non vuol certo essere da meno.

Nella città di Fushun, a nord del Paese, è stato ultimato il «Ring of Life», l’anello della vita, La ruota è gigantesca, ma non ha gondole e non gira.

Ma all’apparente inutilità della gigantesca ruota, c’è chi contrappone una teoria fantascientifica: si tratterebbe di un portale dimensionale per l’accesso ad un’altra dimensione.

Sul sito della municipalità di Fushun, l’anello viene indicato come «un sentiero che conduce in Paradiso».

La struttura è alta 157 metri, quanto un’edificio di cinquanta piani, per realizzarla sono state utilizzate 3.500 tonnellate di ferro e acciaio e vi sono state installate 12 mila luci Led; il costo della scultura: circa 100 milioni di yuan, l’equivalente di 12,5 milioni di euro.

Alla domanda a cosa serva la risposta è nulla, l’«Anello della vita» è stato progettato da Jia Huan Cheng il più famoso architetto della Torre della televisione Oriental Pearl di Shangai.

In realtà, in quel sito la città avrebbe voluto realizzare una torre per uffici, ma Fushun è un centro troppo piccolo, che non ne ha effettiva necessità ed è polemica tra i cittadini.

Pur essendo probabilmente una gioia per gli occhi, l’opera resta priva di una funzione architettonica precisa, quattro ascensori dovrebbero portare il visitatore in alto per osservare la vista dei grattacieli incompiuti sottostanti cosa tutt’altro che esaltante.

Nemmeno l’intenzione del costruttore di aggiungere una piattaforma per il bungee jumping ne supererebbe l’inutilità: l’anello sarebbe troppo alto e dunque pericoloso per questo scopo.

La funzione resta perciò solo simbolica e come si legge sul portale della municipalità di Fushun, l’anello rappresenta «un sentiero che conduce in Paradiso».