giovedì , 5 Dicembre 2019
Home » Fenomeni Inspiegabili » Buchi nelle nuvole, tra scienza e mistero

Buchi nelle nuvole, tra scienza e mistero

Questo raro ed affascinante effetto sulle nuvole è noto come “Sky holes” (buco nel cielo), oppure “Fallstreak holes” ma quali sono le cause che portano alla formazione di questo bizzarro effetto è ancora un mistero.

Un team di esperti, guidato da Andy Heymsfield del National Center for l’Atmospheric Research di Boulder, in Colorado ha studiato il fenomeno osservando ben 92 buchi nelle nuvole in Texas, utilizzando il satellite GEOS (Geodetic Earth Orbiting Satellite).

 

Dallo studio è emerso che la causa principale che provoca i buchi sulle nuvole, sono le scie prodotte dagli aerei, si tratta pertanto di un fenomeno artificiale.

Le nuvole possono essere formate da microscopiche goccioline che risultano allo stato liquido pur essendo la temperatura circostante di molti gradi sotto lo zero (stato sopraffuso).

In queste condizioni, le particelle possono mantenere lo stato di sopraffusione per molto tempo, fin quando non intervenga un disturbo al sistema.

La causa instabilizzante è proprio la scia di scarico degli aerei, che agevola la cristallizzazione delle goccioline sopraffuse, diventando così ghiaccio.

Le particelle di ghiaccio, sono più pesanti, tendono così a precipitare, lasciando un piccolo buco nella nuvola, in genere di una decina di metri.

Il motivo per il quale i fori possono espandersi fino a raggiungere un diametro compreso tra 10 e 50 km è che quando il liquido passa dallo stato solido, libera del calore che provoca una corrente circolante attorno ai cristalli di ghiaccio formatesi che fà evaporare l’acqua sopraffusa, si innesca così un processo a catena che determina il progressivo allargamento del buco della nuvola.

I cristalli di ghiaccio più grandi, essendo più pesanti tendono a precipitare, così da formare una virga, causando la caratteristica “V” o “ala”, che sembra con un minimo di fantasia, l’ala di un angelo.

Tuttavia, non sarebbe serio condurre il fenomeno alla medesima causa per tutti, data la varietà delle manifestazioni, è possibile ammirare delle formazioni perfettamente circolari che si discostano un pò dalla spiegazione proposta.

Tant’è vero che in molti sono convinti che la causa vada ricercate nelle famigerate scie chimiche, cioé in quelle scie che sarebbero lasciate da determinati aerei e che perdurano nel cielo rilasciando, secondo alcuni, sostanze dannose a scopi di controllo climatico o addirittura controllo mentale, mente altri, invece, ritengono si tratti del segno di passaggio di astronavi aliene.