martedì , 16 Luglio 2019
Home » Leggende e Profezie » Apocalisse: un lama tibetano ci dice come sopravvivere

Apocalisse: un lama tibetano ci dice come sopravvivere

Ecco la previsione di un lama tibetano circa la presunta “apocalisse”che dovrebbe avvenire il 21 dicembre 2012.

Durerà circa due settimane, anche se gli esseri umani continueranno a riportare serie conseguenze per diversi mesi, il lama tibetano, conosciuto come l’ Oracolo di Shambhala, aveva inviato un messaggio alla NASA, riferendo che cosa sarebbe accaduto alla Terra il 21 dicembre 2012, data della presunta apocalisse, fornendo dei consigli all’umanità e sull’atteggiamento da adottare per poter sopravvivere.

Come riportato da diversi media che avevano citato l’oracolo, quel giorno, alle ore 6.00 GMT quasi l’intero pianeta sarà immerso nel buio più completo e nel silenzio assoluto.

Non ci sarà luce, elettricità, comunicazione, nè alcun suono: “La Terra sta attraversando la linea zero nella nostra galassia entrando in quella fase in cui non verrà emessa alcuna risorsa energetica”.

Secondo il lama tibetano, gli animali del pianeta Terra cercheranno di nascondersi nelle tane quando le tenebre prenderanno il sopravvento.

“Questo sarà lo stato dello spazio, quando non ci sara’ più la diffusione di energia e tutti gli oggetti non avranno campi elettromagnetici” profetizza l’oracolo, aggiungendo che alcuni avranno l’impressione che i morti uscirebbero dalle loro bare mentre molti di loro impazziranno e circa il 10% dell’umanità perirebbe.

Egli sostiene che tale oscurità, durerà tre o quattro giorni e sarà accompagnata da lampi e razzi di luce nello spazio illusorio, dopo di che il sole riapparirà.

Secondo quanto riferito nel suo messaggio l’oracolo avrebbe fornito anche i consigli per l’umanità in modo da interpetrare e comprendere degnamente il calendario Maya:

  1. E’ necessario prepararci al cambiamento dei cicli e concludere tutte le questioni importanti relative al 2012, senza rimandare alcun debito all’anno successivo.
  2. Il giorno prima l’apocalisse, cioè il 20 dicembre, le persone dovrebbero lasciare le città per trasferirsi con le loro famiglie in case rurali, fornendosi di una riserva di cibo per almeno due mesi, fino a quando le reti energetiche non verrano ripristinate.
  3. Non dimenticate le riserve d’acqua, la legna e le candele per l’illuminazione e il riscaldamento, in quanto dal 21 dicembre 2012 mancherà l’elettricità.
  4. Durante i “giorni bui” sarà necessario coprire le finestre con tessuti pesanti, per evitare di guardare all’esterno.
  5. Con il ritorno della luce, prima di tornare verso le città si dovrebbe aspettare almeno fino a primavera.

Secondo l’oracolo, l’apocalisse durerà due settimane ma tuttavia, l’umanità continuerà a subire le conseguenze letali per diversi mesi e solo alla fine di marzo, afferma il lama, il pianeta si riprenderà completamente.