venerdì , 6 Dicembre 2019
Home » Civiltà Antiche e Archelogia » Ritrovato il messaggio in bottiglia più vecchio del mondo

Ritrovato il messaggio in bottiglia più vecchio del mondo

Ritrovata nel Mare del Nord, la bottiglia di vetro era andata alla deriva per 98 anni nel Mare del Nord. Andrew Leaper, capitano di un peschereccio scozzese, l’ha trovata nelle sue reti, nell’aprile scorso, vicino alle Isole Shetland. Ma quando l’ha aperta non ha scoperto una lettera d’amore o l’SOS di un marinaio abbandonato su un’isola deserta.

Il messaggio, stampato su un foglietto di carta, diceva: “Siete pregati di compilare questa nota indicando data e luogo del ritrovamento, e portarla al più vicino ufficio postale. Nella risposta vi sarà comunicato dove e quando è stata messa in mare. Il nostro scopo è di determinare la direzione delle correnti profonde del Mare del Nord”.

Peccato per i romantici. Quello che secondo il Guinness dei Primati è il messaggio in bottiglia più vecchio mai ritrovato viene da un esperimento scientifico di quasi un secolo fa. Per studiare le correnti marine, il capitano C. Hunter Brown della Glasgow School of Navigation, il 10 giugno 1914 mise in mare 1.890 bottiglie di vetro. Quella ritrovata ad aprile era la numero 646B.

“All’inizio del secolo scorso, gli oceanografi usavano le bottiglie alla deriva per ottenere informazioni importanti che consentivano di creare modelli della circolazione delle acque nei mari attorno alla Scozia, dice Bill Turrell di Marine Scotland Science, un’agenzia governativa scozzese che ha sede ad Aberdeen.

L’agenzia continua a tener traccia delle bottiglie del capitano Brown. Secondo Turrell, quella raccolta da Leaper a soli 15 chilometri dal luogo del lancio è la 315ma ritrovata finora. Ciascuna bottiglia, spiega Turrell, era appesantita in modo tale da permetterle di restare sospesa poco al di sopra del fondo marino, così che potesse finire nelle reti di un peschereccio o, alla fine, essere trascinata a riva dalle onde.

Il fatto più curioso è che a detenere il precedente era un messaggio in bottiglia datato 1917 ritrovato nel 2006 da Mark Anderson, un amico di Leaper, mentre navigava sulla stessa barca, la Copious. “È stata una coincidenza incredibile”, ha dichiarato Leaper. “Come vincere due volte alla lotteria”.